Ho perso le parole…

Cantava Luciano Ligabue e di fronte all’attacco avvenuto durante le votazione dei pentastellati, anche io ho qualche difficoltà a trovarle e quindi sarò breve. Lasciamo perdere le valutazioni politiche, non stiamo a cavillare sul fatto che le elezioni sono sempre una cosa seria, evitiamo anche di fare quelli che “l’avevano detto”, ma qualche considerazione un po’ tecnica vogliamo concedercela.

Partiamo da un presupposto: se c’è una cosa che un hacker, ma anche un esperto di sicurezza, non perdona è l’arroganza. Nel piccolo mondo che da anni frequento abbiamo tutti una discreto “ego” e tendiamo a guardare gli altri con una certa bonaria comprensione, quando siamo di buonumore, oppure con disprezzo, se la giornata è andata storta. Anche tra di noi facciamo fatica a “volerci bene”. Tuttavia, quando qualcuno si dimostra non proprio competente, consapevole e, cosa gravissima, si pure spocchioso, allora diventa subito un bersaglio. Nei miei libri ho scritto che il criminale valuta l’economia dello sforzo, ma se la questione diventa personale, le regole del gioco cambiano.

Per questa ragione l’atteggiamento della Casaleggio e Associati e del Movimento ha trasformato i giorni della consultazione in una tentazione irresistibile. Era scontato, certo tanto quanto le tasse e la morte, che sia Evariste Gal0is sia R0gue_0 si sarebbero nuovamente manifestati, nello stesso ordine della prima volta, il primo avvertendo, il secondo colpendo. Si sapeva anche il giorno. In un mio post precedente indicavo una serie di contromisure, sfortunatamente molto onerose, che potevano essere applicate, ma di certo non era pensabile mettere in sicurezza Rousseau in meno di due mesi: sarebbe stato necessario smontare tutto e ricostruire l’intero sistema. Mettere delle pezze non poteva evitare il peggio fosse anche per una banale ragione legata al modus operandi standard di un hacker. Nel momento in cui acquisisce l’accesso a un sistema, prima di abbandonarlo crea un canale di connessione nascosto, tecnicamente una backdoor.

Se poi è piuttosto bravo potrebbe avere installato un kernel rootkit, cioè un gruppo di software malevoli che agiscono nel cuore (il kernel) del sistema operativo, terribilmente difficile da rintracciare e rimuovere. Questo comportamento è un routine e se R0gue_0 lo ha fatto, allora le speranze di cavarsela stavano a zero. Se poi le cose sono andate in modo diverso significa che l’attacco può essere passato attraverso una vulnerabilità di un applicativo oppure del sistema operativo, sfuggita alla revisione del codice che immagino sia avvenuta dopo i fatti dello scorso agosto (in caso contrario sarebbe decisamente grave). Aggiungo un’ultima nota. Il Garante per la Protezione dei Dati Personali ha già aperto un fascicolo per la prima intrusione e avevo accennato che il Movimento e la Casaleggio e associati rischiavano di essere cornuti e mazziati. A questo punto non mi stupirei se, dopo questo nuovo fattaccio, il procedimento subisse una brusca accelerazione. Considerando i fatti chiunque si domanderebbe: “Hanno già subito un attacco, sono andati avanti imperterriti e vengono di nuovo colpiti. Vuoi vedere che non hanno fatto le cose per bene?” L’idea che errare è umano, ma perseverare diabolico resta sempre ben presente nella testa delle persone di buonsenso.

Alessandro Curioni

alessandro curioni, elezioni m5s presidente del consiglio, m5s, sistema operativo rousseau


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (8)

  • Caro Curioni, leggo in ritardo e apprezzo come sempre.
    Tuttavia mi rimane quasi sempre um dubbio quando la leggo.

    In questo caso è: lei dubita della ingenuità della Casaleggio?

    Perché, le dirò, sul piano politico mi pare di vedere la stessa tendenza all’improvvisazione.
    Magari mi sbaglio, ma imho vale sempre il detto: “Si comporta come un cretino, parla come un cretino, pensa come un cretino ma non fatevi ingannare. È davvero un cretino.”

    Saluti.

    • Avatar

      Alessandro Curioni

      Per deformazione culturale penso che seminare il dubbio sia un dovere morale. Per deformazione professionale il beneficio del dubbio, nel bene e nel male, non lo nego ad alcuno. Di conseguenza condivido la sua citazione, ma sostituirei la punteggiatura finale con … Un punto di domanda. Personalmente ho conosciuto dei cretini assolutamente “perfetti” e proprio questo essere “casi di scuola” alla fine li ha traditi, rivelando una furbizia decisamente fuori dal comune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.