Usa: lo spettro della guerra civile

A distanza di qualche giorno, vorrei provare a riflettere insieme a voi sul significato e le conseguenze di quanto accaduto nei giorni scorsi negli Stati Uniti con il tentativo di assalto a Capitol Hill. Volutamente vorrei partire dal concetto di “spettro della guerra civile”. Ragioniamo insieme.

In caso di problemi con la visualizzazione del video, clicca qui per vederlo.

aldo giannuli, assalto capitol hill, guerra civile stati uniti, trump


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (4)

  • Un palazzinaro se ha la fortuna di nasce a New York viene chiamato tycoon.
    Accipicchia ! Una cosa serissima !!
    Se un altro palazzinaro fa sfracelli in Italia, è una barzelletta mondiale, buona per prendere in giro tutti gli italiani, e l’Italia, per anni e anni. Se la categoria ne fa di più grossi negli USA è una cosa preoccupante. La stampa internazionale ne fa una deprecabile questione politica, ma pur sempre politica.
    Questo si chiama double standard dei maestri del giornalismo internazionale.

  • Buongiorno sig. Giannuli,
    la ringrazio per l’intervento che ho ascoltato volentieri, sono anche un lettore dei suoi libri, per questo Le chiedo:
    1. Non è possibile che tale atto sia stato in qualche modo voluto o permesso, non dalla polizia ma dagli apparati? Come è possibile che di fronte a una manifestazione del genere, unica nella storia repubblicana degli Stati Uniti, non si fosse subodorata la pericolosità della folla ivi riunita? E tutto quello che hanno fatto è schierare un cordone di polizia insufficiente?
    2. Non le sembra che l’evento sia stato un clamoroso teatro; non c’era una strategia efficace, anche si fosse voluto sottrarre i fogli elettorali, saremmo stati lontanissimi da un qualsivoglia colpo di stato che possa chiamarsi tale. Perciò ” a cui prodest”? Io direi che questo atto è pure utile per liquidare definitivamente un “cavallo pazzo” della politica americana, quindi non male.
    3. L’America è stata messa “a ferro e fuoco” in molte città da bande criminali che a fronte di motivi, forse leciti, hanno pure approfittato per rubare, saccheggiare ecc. Lì non si è sparato ad alzo zero, per fortuna, vuol dire che la polizia non è così marcia come Lei sostiene, ma erano del tutto innocenti, genuine e spontanee quelle manifestazioni? Non mostravano anch’esse atmosfere da guerra civile, in quel caso fomentate dagli avversari di Trump?

  • Grazie dell’analisi, professore!

    NB: La Guardia Civil, a cui appartenevano il tenente colonnello Tejero e i suoi ragazzi, non è un corpo civile, come potrebbe suggerire il nome, ma un istituto armato dipendente dal Ministero della Difesa, sempre sotto il comando del Re. [Costituzione Spagnola, art. 62. Corresponde al Rey: h) El mando supremo de las Fuerzas Armadas].

    D’altro canto, per il suo carattere prettamente spagnolo, piuttosto che sceneggiata napoletana, forse il termine più calzante per inquadrare la vicenda del 23-F sia quello di ‘sainete’…

    https://it.wikipedia.org/wiki/Sainete

    Grande spettacolo televisivo in coproduzione internazionale…

    https://it.wikipedia.org/wiki/Supreme_Headquarters_Allied_Powers_Europe#Il_Comandante_supremo_alleato_in_Europa_-_Supreme_Allied_Commander_Europe_(SACEUR)

    Parole e musica, generale Alexander Haig Jr., comandante supremo alleato in Europa…

    https://it.wikipedia.org/wiki/Alexander_Haig

    Buca del suggeritore, tenente generale Andrés Cassinello…

    https://elpais.com/diario/2008/05/18/espana/1211061611_850215.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.