Ultime del caso Moro: che bolle in pentola?

La Procura Generale di Roma ha archiviato l’inchiesta relativa ai due della moto Honda che spararono in via Fani: una inchiesta basata sul nulla che non si manteneva né in piedi, né seduta né sdraiata, come avemmo a scrivere a suo tempo su questo blog prevedendone l’infausto esito esattamente come negli altri recenti casi di “testimoni tardivi”, tutti caduti come birilli uno dietro l’altro. Dunque, una archiviazione dovuta che non desta alcuna sorpresa. Quelle che, invece, giungono inattese, sono due considerazioni.

Il rinvio alla Procura della Repubblica della stessa Capitale della parte riguardante il ruolo di Steve Pieczenik (il consulente del Dipartimento di Stato Usa inviato in Italia per affiancare l’unità di crisi di Cossiga) ed il cenno alla nota questione del colonnello Guglielmi della 7° divisione del Sismi (quella da cui dipendeva Gladio).

Sul primo punto, da quel che si capisce, si ipotizza un ruolo di Pieczenik tanto nell’omicidio, quanto nello stesso rapimento di Moro, sulla base di quanto dallo stesso affermato nell’intervista concessa a Michel Amara e pubblicata come libro in Francia sul finire del 2007, poi pubblicata in Italia a cura di Nicola Biondo. Ci sarebbe poi anche l’intervista, di poco successiva, concessa a Minoli. La questione di Guglielmi, presente nei pressi del luogo mentre si verificava il rapimento, non è destinata ad una inchiesta sul militare che, nel frattempo, è defunto, ma a corroborare la tesi di una presenza dei servizi italiani ed americani già dal 16 marzo.

Non conosciamo il documento della Procura Generale (100 pagine a quel che si dice) se non per i brevissimi stralci d’agenzia, per cui non sappiamo sulla base di quali nuovi elementi sia stata presa la decisione di questo rinvio alla Procura della Repubblica, ma è evidente che se gli unici elementi a sostegno dovessero restare le dichiarazioni di Pieczenik (che sono di ben 6 anni fa!) e il riciclaggio della solita storia di Guglielmi, la nuova inchiesta non partirebbe da una base solidissima. Anzi…

Beninteso: il caso Guglielmi è effettivamente uno dei buchi neri del caso Moro, perché il colonnello dichiarò di trovarsi lì per un invito a pranzo da un amico residente in via Stresa, ma il rapimento avvenne alle 9 del mattino… un po’ presto per un pranzo. Ed il racconto di Pieczenik, pur avendo aperto un ampio squarcio inedito sulla vicenda, è tutt’altro che  un racconto completo e privo di aspetti ombrosi. Ma, di Pieczenik sappiamo che giunse in Itala circa due settimane dopo i fatti di via Fani, quindi nulla dimostra che abbia avuto parte in essi, in secondo luogo, egli dipendeva dal Dipartimento di Stato e non dalla Cia o da altro servizio segreto americano, in terzo luogo, le sue dichiarazioni possono sostenere una accusa di istigazione all’omicidio o persino di concorso morale (per avere indotto le Br a compierlo, come lui stesso dichiara orgogliosamente), ma assolutamente non riguardano la fase del rapimento. Per cui resta da dimostrare un suo coinvolgimento nella prima fase del caso. Così come, allo stato delle conoscenze, resta da provare il coinvolgimento di una qualsiasi agenzia americana. Ma, soprattutto, come reggere l’apertura di una inchiesta sulla base di dichiarazioni vecchie di sei-sette anni? Perché non lo si è fatto all’epoca dell’uscita del libro?

Quanto a Guglielmi, certamente è un aspetto tutto da chiarire, ma la morte dell’interessato rende tutto più difficile e, comunque, l’unico elemento aggiuntivo (indirettamente) è un documento che si trova nel fascicolo dell’inchiesta bresciana, che dimostra come sin dal 16 febbraio, un detenuto nel carcere di Matera, tal Severino Senatore, aveva avvisato il centro Cs di Bari della preparazione di una azione Br contro Moro e, dunque, il Sismi era al corrente di ciò già da tempo prima. Il che autorizza il forte sospetto che, pur sapendo cosa si preparasse, il Sismi abbia lasciato fare, magari per eliminare Moro dalla corsa al Quirinale e favorire, indirettamente, un altro possibile candidato. Ma di qui ad affermare che le Br abbiano agito su impulso o con la complicità attiva dei servizi italiani e, per di più, americani, ne corre.

Quindi, stiamo a vedere, ma la cosa diventa seria se ci sono altri elementi.

Nel frattempo, peraltro, questa iniziativa della Procura generale capitolina, crea qualche problema alla neo costituita Commissione parlamentare Moro Bis: è evidente che questo indurrà Pieczenik a tenersi prudenzialmente lontano dall’Italia, per timore d’essere arrestato, pertanto, diventerà assai difficile che la Commissione possa audirlo.

Aldo Giannuli

aldo giannuli, archiviazione inchieste caso moro, br, brigate rosse, caso moro, colonnello guglielmi, commissione d'inchiesta caso moro, nicola biondo, servizi segreti americani, steve pieczenik, testimoni caso moro, via fani


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (8)

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    Un dubbio, se veramente Guglielmi era lì per qualche losco motivo e doveva giustificare la presenza, come mai un uomo dei servizi come lui (e come tale doveva essere furbo come una volpe) ha fatto ricorso ad una scusa così demenziale cui non crederebbe nemmeno l’ultimo dei fessi cioe’ tanto per intederci nemmeno quei beoti che credono che se tutti pagassero le tasse lo stato fornirebbe servizi migliori?
    Dovremmo ipotizzare che Guglielmi ha voluto discolparsi “formalmente”, ma nel contempo ha inteso “autoaccusare” se e l’ufficio per cui lavorava. Come dire … in via ufficiosa confermiamo che “noi” abbiamo partecipato. Chi di dovere lo sappia.

  • Non capisco ci siano ancora perplessità circa i rapporti tra doppiogiochisti (tra cui Moretti) all’interno delle BR ed i servizi segreti. Ci sono stati anche a Napoli, vedi caso Cirillo e delitto Ammaturo.

  • Gentile Professor Giannuli, un paio di anni fa, il giudice Ferdinando Imposimato, che si è occupato a fondo del caso Moro, ha pubblicato il libro “Doveva morire”, in cui spiega come lo Stato, con l’ausilio di uomini dei servizi stranieri, come Pieckzenik, ha fatto in modo che il Presidente della DC venisse ucciso. Vorrei sapere se lei lo ha letto, e, se lo ha letto cosa ne pensa, e in generale quale sia la sua opinione della figura di Imposimato e delle sue tesi sugli anni di piombo e la strategia della tensione.
    Cordialmente

  • Egregio professore la seguo da tempo e le volevo chiederle se possibile di approfondire l’argomento , in tutti questi anni (io ero bambino) uno dei fatti che ha sicuramente cambiato la storia di questo sfortunato paese e quindi le nostre vite, a tuttoggi rimane un mistero.Mi spiego meglio ,non ho dubbi che una organizzazione terroristica aiutata anche dal caso possa rapire uno statista ,ma quello che a tutt’oggi mi e’ oscuro e’ come possibile che in un paese crocevia di piu’ servizi di intelligence nulla e’ mai venuto a galla su mandanti e motivi visto anche i sicuri conflitti di interesse tra kgb cia e tutto quello che era presente in Italia negli anni 70.

  • “… questa iniziativa della Procura generale capitolina, crea qualche problema alla neo costituita Commissione parlamentare Moro Bis.”

    Puo’ essere questa una delle ragioni duna inchiesta giudiziaria a 4 mesi (pardon: 40 anni) dai fatti?

  • Un magistrato chiede di indagare su Steve Pieczeniyk quale responsabile
    dell’assassinio di Aldo Moro, dopo che viene dichiarato che in via fani c’erano
    anche i servizi stranieri, ma non potendoli individuare si chiese di
    archiviarne l’inchiesta. Restare perplessi è il minimo.
    Prima del rapimento di Moro le BR erano state ristrutturate da personaggi che un tempo erano vicini ad altri personaggi che poi daranno vita a Parigi , ad un
    Centro “ispiratore” crocevia dei Servizi di mezza Europa, Mossad compreso. Questo
    avvicendamento nelle BR era stato possibile dopo gli arresti predisposti da
    Carlo Alberto Dalla Chiesa, un Generale dei CC, sembra non alieno dalla Massoneria, e dal suo nucleo speciale di carabinieri al tempo già da anni sotto il comando generale di
    Arnaldo Ferrara durante il cui lungo e straordinario decennale di comando, a
    quanto si dice, i Servizi israeliani in Italia, rafforzarono la loro influenza.
    Dalla Chiesa (poi mandato a morte sicura, spedendolo a
    Palermo) aveva reso possibile l’avvicendamento nelle BR arrestando e togliendo
    di mezzo il nucleo storico BR di Curcio e Franceschini, contrari a svolte di
    attentati cruenti, ma rimase invece in circolazione Mario Moretti, a suo tempo
    membro di quel Superclan poi finito a Parigi.
    Fatto sta che un paio di anni dopo, le BR presero in considerazione di rapire Aldo Moro.
    PERCHÉ MORO? Moro era, guarda caso, un importante uomo
    politico inviso all’Occidente e ad Israele.
    A Moro si rimproverava il suo atteggiamento equidistante nel conflitto
    arabo – israeliano, le operazioni che aveva fatto per tenere il nostro
    paese fuori dagli attentati palestinesi e ritorsioni israeliane, concedendo la
    liberazione di alcuni guerriglieri palestinesi arrestati in Italia, le
    iniziative autonomiste in politica estera, l’interesse con i tempi non maturi ,
    data Jalta , a voler portare il PCI nel governo mettendo in crisi l’Alleanza
    Atlantica, e soprattutto il suo diniego, nel 1973, a concedere le basi italiane per gli scali agli arei americani impegnati a rifornire Israele durante la guerra del Kippur: un atto da
    meritare esplicita condanna a morte, come da analoga vice,da dell’aereo Argo.
    Fatto sta che Moro in quel fatidico 1978 era finito nelle mani delle BR, ed ora “chi di dovere” si voleva premurare che non ne uscisse vivo.
    All’uopo venne spedito in Italia, STEVE PIECZENIYK (“Piceni-K”,
    con accento sulla ‘E’: ad attestare, nell’americano dello State Department al
    servizio di Kissinger & Brzezinskij – il ‘polacco’ mandato in Italia e
    messo alle costole del ministro degli interni Cossiga, “per non lasciare
    solo il “cugino” Enrico Berlinguer, fermo nel non trattare con i brigatisti” e
    quindi di fatto intenzionato a non far uscire Moro vivo dalla sua prigionia,
    come lo stesso di fatto ammette nella straordinaria intervista a Giovanni
    Minoli di Radio-24.
    MA CHI ERA QUESTO, DA ALLORA SOPRANNOMINATO B.R.ERLIGUER?
    I Berlinguer, capostipite Mario, già massone, posto nel 1944 dal PWB britannico a fare l’Alto commissario alle epurazioni, erano dei latifondisti, in qualche modo attigui ad
    altre famiglie sarde, a volte tra loro imparentate per via endogamiga: i Cossiga, i Segni, i Siglienti (IMI), i Manconi (Giuseppe, padre di Luigi passato in Lotta Continua, che sposerà Bianca Berlinguer), i Pintor (Luigi, tra i fondatori del Manifesto), ecc., tutte
    famiglie sarde in vista, notabili, intellettuali, spesso facoltosi latifondisti,
    in una realtà storico geografica dove operavano da sempre lobby di massoneria
    britannica. L’Euro comunismo berlingueriano, che poteva essere giustificato
    come “terza via”, aveva però dei presupposti politici ed ideali di stampo
    “occidentale” che avrebbero portato, come infatti è poi avvenuto, il PCI
    nell’orbita occidentale e in quella Atlantica.
    Considerando poi, nel contesto o a latere dell’Affaire
    Moro, tutta un altra serie di personaggi, molti oggi rispettabili e noti, ma al tempo facenti parte di Potere Operaio e di Lotta Continua, movimenti non del tutto alieni da manipolazioni di Servizi , quali i vari Piperno, Pace, Paolo Mieli (figlio di Renato
    Mieli, alias Randolf Merril, “colonnello” britannico del PWB, e preposto
    durante la guerra ad organizzare cellule comuniste e nel dopoguerra vicino alla
    sinistra, mentre J. J. Angleton dell’Oss, controllava la “destra), Luigi
    Manconi, Adriano Sofri (dichiaratosi in conoscenza con U. Federico D’Amato), e
    compagnia cantante, le perplessità di quel quadro aumentano.
    Ma perche’ mai, trattandosi di terrorismo militare, a controllare che Cossiga non
    interferisse nel volere “intransigente” di suo cugino Berlinguer, non venne mandato un agente della CIA, o dello F.B.I., della DEA o della NSA, ma bensì dello State Department?
    Perche’ era una questione politica: assassinare Moro voleva anche dire intronare E. Berlinguer, alla prima occasione con apposite elezioni anticipate e con la Democrazia cristiana decapitata, non solo di Aldo Moro, ma anche del presidente Giovanni Leone, destituito su imposizione, dello stesso Berlinguer, grazie alla
    campagna diffamatoria contro di lui condotta da “La Repubblikina” dell’Alta finanza di
    Eugenio Scalfari – in De Benedetti.
    Far assumere a Berlinguer un ruolo assoluto ed egemone nel
    PCI, significava instradare definitivamente il partito sulle sponde
    Occidentali, in attesa che la fine, oramai imminente di Jalta, lo sdoganasse
    dall’entrare nei governi. Questo progetto però subì una momentanea battuta di
    arresto perchè il PCI nel 1979 non ottenne il successo previsto (non è escluso
    che nel mancato successo elettorale del partito comunista vi ebbe un merito
    quello che restava dell’ala “nazionale” Togliattiana che aveva da sempre capito
    il ruolo filo occidentale dei Berlinguer).
    E OGGI? Oggi questa richiesta di indagare su Pieczeniyk, che ovviamente non porterà a
    nulla, a parte il contentino per compensare l’archiviazione sui nomi dei
    possibili Servizi presenti in via Fani, di fatto svergogna, quello che
    potrebbe così definirsi il ”giudice bendato”, Ferdinando Imposimato,
    istruttore delle indagini condotte, sul caso-Moro, che una volta però andato in
    pensione si è messo a rompere le uova, partecipando al team di studiosi che
    indagano sugli attentati dell’11 Settembre quali una false flag, e scrivendo un libro dove indica nel Bilderberg, un burattinaio dietro la strategia della tensione e lo stragismo (informazione questa di capitale importanza, perchè sta a significare che dietro lo stragismo non c’era solo la CIA, e quindi obiettivi limitati al momento, ma anche lobbies
    mondialiste e quindi vi erano anche obiettivi a lunga scadenza). Sul caso Moro,
    però Imposimato continua a sfornare testi che vorrebbero escludere il Moro tenuto prigioniero anche in altra prigione che non sia via Montalcini (e un altra prigione, nel caso, come indicò l’informato Pecorelli, non poteva che essere nel ghetto ebraico, ergo Mossad) e ad accentuare, nella morte di Moro, le responsabilità di Andreotti e Cossiga.
    Perché?

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    Mi permetto di reiterare la richiesta di chiarimento. Un agente segreto non puo’ essere un decerebrato. E solamente un decerebrato potrebbe dire che si stava recando a pranzo alle otto di mattina.Quindi, perché questa giustificazione così totalmente sballata? L’unica spiegazione che riesco a darmi è che si tratta di un messaggio occulto. Ma a chi?? E perché? Grazie e saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.