Tag: aldo giannuli

“Il segreto di Piazza Fontana” e il dibattito sul doppio stato: un intervento di Dimitri Deliolanes, corrispondente della tv greca ERT a Roma

L’intervento di Dimitri Deliolanes, corrispondente della tv greca ERT a Roma,  su “Il segreto di Piazza Fontana” e il dibattito sul doppio stato.


Ho appena finito di leggere il corposo lavoro d’inchiesta di Paolo Cucchiarelli “Il segreto di Piazza Fontana”. E vorrei, da dilettante, esprimere sommessamente il mio parere.
Il cuore del libro è la tesi, che l’autore lealmente espone come tale e non come verità finalmente rivelata, della doppia bomba, sia a Piazza Fontana che negli attentati romani. Una bomba anarchica, un petardo a scopo dimostrativo ed una parallela bomba fascista per provocare la strage ed incolpare l’estrema sinistra.

Continua a leggere

“IL SEGRETO DI PIAZZA FONTANA”: UN’OCCASIONE PERSA.

“IL SEGRETO DI PIAZZA FONTANA”: UN’ OCCASIONE PERSA


di Francesco “baro” Barilli e Saverio Ferrari

“Il segreto di Piazza Fontana”, scritto da Paolo Cucchiarelli e uscito per l’editore Ponte alle Grazie (pag. 704, € 19,80), è un lavoro interessante e inquietante nella prima parte, sconcertante e irritante nella seconda. Fonde elementi di inchiesta a voli pindarici dell’autore – che si fanno via via più fantasiosi, depotenziandone il contenuto – e appare viziato alla base da un difetto: il cadere in ricostruzioni azzardate, con concessioni alla più sfrenata dietrologia. Un limite che rende il libro non una sorta di verità definitiva sulla “madre di tutte le stragi”, come è stato pubblicizzato, ma un contributo che rischia di mettere in ombra persino la parte di verità già accertata.

Continua a leggere

Domenica non andrò a votare, nè per il Referendum, nè per Penati…

Domenica non andrò a votare, nè per il Referendum, nè per Penati…

Domenica si svolgeranno gli ennesimi referendum sulle leggi elettorali tendenti ad accentuare il carattere maggioritario del sistema attualmente vigente. E’ molto importante che, come per le occasioni precedenti, dal 1999 in poi, il referendum fallisca per mancanza del quorum previsto.

Sedici anni fa, sulla spinta delle inchieste di mani pulite e della conseguente ondata di

protesta, un referendum-truffa decretò la fine del sistema proporzionale nel nostro paese ed inaugurò la seconda repubblica. Agli italiani venne fatto credere che il nuovo sistema maggioritario avrebbe garantito governi di legislatura evitando elezioni anticipate, avrebbe impedito i giochi di Palazzo dei governi di coalizione, avrebbe consentito di scegliere con più accuratezza i propri rappresentanti che, in virtù del collegio uninominale avrebbero rappresentato il territorio di provenienza con molta maggiore fedeltà, infine, che il sistema basato sul collegio uninominale avrebbe consentito campagne elettorali meno costose.

Continua a leggere

“Il segreto di Piazza Fontana”: la risposta di Paolo Cucchiarelli

Di seguito pubblichiamo la risposta di Paolo Cucchiarelli all’approfondimento bibliografico curato da Aldo Giannuli alcuni giorni fa sul suo ultimo libro “Il segreto di Piazza Fontana”. La risposta è molto lunga e articolata e si inserisce nelle righe dell’approfondimento stesso di Giannuli, per cui abbiamo segnalato il testo di Cucchiarelli in rosso e il testo di Giannuli in nero.

Caro Aldo,

ti conosco da troppo tempo per non sapere quale è il tuo modo di ragionare, risolvere i problemi, confrontarti.

Continua a leggere

“Il segreto di Piazza Fontana” di P. Cucchiarelli: analisi del testo

Il libro di Cucchiarelli, è il risultato di oltre dieci ani di lavoro. Il libro è diviso in tre parti narrative: la prima sostanzialmente dedicata ad un attento scandaglio di perizie, verbali, rapporti di polizia giudiziaria e stampa d’epoca; la seconda in cui l’autore avanza una sua ipotesi di come sia andata la vicenda della strage; la terza, nella quale si rileggono i casi Feltrinelli e Calabresi alla luce delle risultanze precedenti.

La prima parte costituisce un lavoro assolutamente prezioso che fa riemergere tanti particolari passati ormai nel dimenticatoio dopo la lunga serie di inchieste giudiziarie e parlamentari che anno accumulato molte migliaia di documenti per oltre 1 milione di pagine. Diverse riflessioni sul tema dell’esplosivo aprono la strada a sviluppi investigativi di notevole rilievo che maturano in particolare nella terza parte, quella in cui si parla di Calabresi e Feltrinelli. La parte più debole, lo diciamo subito, ci pare la seconda che propone una spiegazione della vicenda che qui di seguito riassumiamo in breve.

Continua a leggere

La tesi del “doppio Stato” non è una barzelletta

Il 30 maggio 2009, Marco Clementi ha pubblicato sul quotidiano Liberazione un articolo in cui ritorna sul dibattito sul “doppio Stato” in corso in questo periodo. Questo l’articolo in risposta apparso, sempre su Liberazione, di Aldo Giannuli.

Si sta facendo molta confusione a proposito del “doppio Stato”, sovrapponendo superficialmente significati ed usi dell’espressione. Il termine, come categoria teorica, venne elaborato da Ernst Fraenkel in riferimento alla Germania nazista, venne poi ripreso e usato in senso più generale da autori come Wolfe o, più recentemente, Klitsche de la Grange. Altri (De Felice ed il sottoscritto) hanno svolto una riflessione teorica in riferimento al caso italiano, peraltro con esiti divergenti. Altri ancora (Casarrubbea, De Lutiis, Tranfaglia, Ginsborg ecc.) la hanno utilizzata incidentalmente e con sfumature molto diverse. Infine esiste un uso da caffè dello sport per il quale il doppio Stato, come dice Pier Luigi Battista, è “la chiave per svelare ogni segreto”, il racconto cospirazionista della nostra storia repubblicana, nella quale ci sarebbero stati due apparati statali: uno visibile e legale l’altro coperto e criminale che muoveva i suoi burattini sul teatrino di una finta democrazia. Dello stesso avviso mi pare Marco Clementi (“Liberazione” 30 maggio). Ognuno è libero di scegliersi gli obiettivi della propria polemica e, se si vuol restare sul piano del bar dello sport, lo si può benissimo fare; l’importante è dirlo. Se invece si vuole polemizzare ad un altro livello, occorre mettersi all’altezza dal punto di vista delle conoscenze.

Ad esempio, tanto il lavoro di De Felice che il mio, pur divaricando fortemente, muovono dallo stesso rifiuto di complottismi e dietrologie come strumenti di interpretazione idonei, in particolare in un caso complesso come quello italiano, segnato dalla compresenza di una democrazia vera e vitale con gravi patologie politiche come lo stragismo, la forte corruzione politica,  i tentativi di colpo di Stato, ecc.  La teoria del “doppio Stato” segnala questa tensione che non vi sarebbe, se la democrazia fosse solo una finzione teatrale, come Battista e Clementi fanno dire ai loro antagonisti. Dunque, essa è il tentativo di superare ogni complottismo per trovare sul piano sistemico una spiegazione dell’accaduto.

Peraltro, non ho mai pensato, detto o scritto che il “doppio Stato” coincida con una qualche organizzazione, istituzionale (come i servizi segreti) o privata (come la P2), legale  o illegale, perché esso non è un soggetto ma un processo. Lo Stato duale non consiste neppure in una doppia rete istituzionale, una legale, l’altra segreta e illegale o in una immaginaria “cupola” politico-criminale che tutto dirige e tutto manovra. Semmai è uno stato di fatto nel quale cupole grandi e piccole di politici corrotti, mafiosi, ufficiali sleali, finanzieri corsari ecc possono trovare spazio. E mi sembra di ricordare che in Italia non siano mancati e non manchino né politici corrotti, né ufficiali sleali, né mafiosi, né finanzieri corsari. O vi risulta diversamente? Peraltro, a differenza di De Felice, non credo che il doppio Stato coincida con la doppia lealtà allo stato italiano ed agli Usa. Insomma un organismo come la P2 o il “noto servizio” possono esistere (e sono esistiti), così come comportamenti servili nei confronti degli Usa di interi settori di apparati istituzionali possono verificarsi ( e si sono verificati), ma non vanno scambiati per la sostanza del fenomeno, che va al di là di tutto questo.

A questo proposito conviene essere chiari sino in fondo. Fra i militanti della sinistra è serpeggiato in questi anni un mito autoconsolatorio, per il quale le sconfitte politiche subite si spiegano proprio con l’esistenza del “doppio Stato”, inteso, appunto, come apparati occulti e sovranità limitata dagli Usa. Insomma: se gli altri non avessero giocato sporco, la sinistra avrebbe vinto da un pezzo e sarebbe stata la naturale classe dirigente del paese. Questo è un grave errore che ostacola la formazione di un giudizio storico obiettivo. La sinistra non ha mai superato il 45% dell’elettorato non perché glielo abbiano impedito Gelli, De Lorenzo o Sindona, ma perché non è riuscita a costruire il consenso e la rete di alleanze necessarie e, quando è stata ad un passo dal riuscirvi (fra il 1976 ed il 1979) ha fatto la scelta della solidarietà nazionale, che si è rivelata disastrosa. Avremo modo di discutere in altra occasione le ragioni della sconfitta epocale della sinistra italiana, ma intanto sgomberiamo il campo da questo mito costruito su un uso improprio della teoria del “doppio Stato”.

La rilevanza del tema è un’altra: il giudizio sul funzionamento della nostra democrazia. Quello che è inseparabile dalla fenomenologia dello Stato duale è il funzionamento extra o anti-ordinamentale di alcuni apparati istituzionali. Dunque, non un doppio apparato, ma un modo duplice di funzionare dello stesso apparato. Quello che, mi sembra,  ha ricevuto abbondantissime conferme da quel che è emerso sia in sede giudiziaria che parlamentare o storiografica: non si è trattato dell’occasionale devianza di un certo numero di funzionari, alti ufficiali o ministri (quel che accade in ogni epoca ed in ogni paese), ma di disfunzioni sistemiche, per cui la nostra è una democrazia vera, che poggia su un solido consenso popolare, ma presenta delle patologie che vanno analizzate. La democrazia non è l’Immacolata Concezione, per cui può benissimo subire dei processi degenerativi. Saperli riconoscere è il primo passo. La teoria del doppio Stato cerca di fornire un contributo in questo senso, può darsi che sia errata o insufficiente, discutiamone, ma, per cortesia, non fermiamoci agli slogan e cerchiamo di leggere i libri prima di parlarne.

Aldo Giannuli, 4 giugno 2009, Liberazione, pp. 13

L’ABUSO PUBBLICO DELLA STORIA

In libreria, da giovedì 23 aprile 2009, per i tipi della Guanda,


“L’ABUSO PUBBLICO DELLA STORIA,

come e perchè il potere politico falsifica il passato”


Da circa vent’anni è in corso, in tutto il mondo, uno scontro senza precedenti sulla storia in relazione al tentativo di ricostruire un nuovo ordine mondiale dopo il crollo di quello bipolare. Assistiamo a un prepotente ritorno sulla scena

copertina
copertina

politica del “Principe” che avoca a sé il potere di stabilire quel che la storia deve dire. Questo ritorno si giova di fenomeni quali l’eclissi del sociale, la corrosione della democrazia, l’avanzare dell’antipolitica populista, la fine dello stato sociale, il vento culturale del neoliberismo che hanno puntuali ricadute sul piano culturale e, più specificatamente, storiografico. Su questo scontro, e sulle più ampie questioni correlate, indaga Aldo Giannuli analizzando il revisionismo storico nelle sue diverse manifestazioni, a cominciare dal tema dell’olocausto e dal connesso fenomeno di “tribunalizzazione” della storia e dedicando particolare attenzione all'”anomalo” caso italiano. Partendo dall’affermazione che la storia è il suo uso pubblico, e coincide perfettamente con esso, il libro si sofferma in particolare sull’abuso della storia recente nei mass media, con un occhio  attento alla spettacolarizzazione. Se non mancano infatti opere di buona qualità, prevalgono nettamente quelle che, in nome dell’uso pubblico della storia, praticano un sostanziale abuso a fini di politica contingente. Il problema storiografico che ci si presenta oggi è proprio quello di intuire la portata della svolta storica che abbiamo appena attraversato, da dove è sorta e dove ci sta portando. E si comprende come tutto questo vada molto oltre la retorica del “secolo del male”.

LEGGI L’INDICE (pdf)


SCARICA L’INDICE DEI NOMI (pdf)


clicca anche:

www.guanda.it

IBS per acquistare il libro online!


RASSEGNA STAMPA  (in continuo aggiornamento)


-la recensione di Dino Messina, Corriere.it

-la recensione di Chiara Corti, del Giornale di Brescia

la recensione di Francesco Perfetti su Libero, 9/06/09

la recensione di Antonio Carioti sul Corriere della Sera, 14/06/09


ASCOLTA la presentazione del libro presso il Magazzino 47, Brescia, 28/06/09


per ascoltare clicca sul titolo dell’intervento che ti interessa e attendi qualche secondo per lo streaming!

-perchè questo libro (mp3);

-se i giornalisti fanno gli storici (mp3);

-storia e politica (mp3);





La teoria del doppio Stato: superare lo scontro tra dietrologi e storici?

Sintesi del saggio pubblicato sull’almanacco Guanda 2007: “Il complotto. Teoria, pratica, invenzione”, a cura di Ranieri Polese.

In questi anni sono andati formandosi due orientamenti opposti: quello  dei cosiddetti “complottisti” o “dietrologi” (Giuseppe De Lutiis, Giorgio Galli, Sergio Flamigni, Giovanni Fasanella, Giovanni Pellegrino ecc) e quello dei critici pregiudiziali della dietrologia  o “avantologi” (Virgilio Ilari, Giovanni Sabatucci, Ernesto Galli della Loggia, Giovanni Belardelli, Piero Craveri, Vladimiro Satta ecc.).  Si va da chi sostiene l’assoluta irrilevanza storica di congiure e cospirazioni, perché la storia è condizionata solo dai grandi processi sociali ed economici a chi afferma convinto che “una democrazia non può averlo fatto”. Altri ancora ritengono questa materia buona per i giallisti, indegna di una analisi storica che frequenti solo i piani alti della politica.

Continua a leggere

Servizi, squadristi e X Mas: la strategia della provocazione

Roma 9 novembre 1963, il corteo sindacale è arrivato a Piazza Santi Apostoli ed, ormai, la manifestazione inizia a sciogliersi, i militanti arrotolano bandiere e striscioni mentre il palco viene smontato: all’improvviso, incomprensibilmente, inizia un parapiglia. Sembra una rissa fra pochi manifestanti, poi man mano giungono altri, e, dopo poco, gli scontri dilagano. Polizia e carabinieri intervengono con brutalità e la manifestazione finisce fra le manganellate ed il fumo acre dei lacrimogeni.

Continua a leggere