Il petrolio a basso prezzo aiuta a evitare l’ondata di crisi in arrivo?

La crisi del 2008 fu alimentata anche dall’improvvisa esplosione del prezzo del greggio fra il 2005 e la metà del 2008, quando si sfiorarono i 160 dollari a barile. Quella impennata produsse una serie di effetti a  catena che fecero esplodere il bubbone dei mutui subprime, che covava da tempo. Conseguentemente, molti pensano oggi che la fase ribassista  del prezzo del petrolio, possa smorzare le forti spinte ad una terza ondata di crisi, nel prossimo anno. Ma nei sistemi complessi i rapporti fra causa ed effetto non sono mai lineari e non è infrequente che si determinino dinamiche controintuitive.

In questo caso il rischio è che i petrolio a buon mercato, pur dando qualche vantaggio momentaneo, finisca per innescare effetti boomerang ben più pericolosi.

Partiamo da una semplice constatazione: mentre la finanza spesso (ma non sempre) si giova di turbolenze nei prezzi o nelle parità monetarie, l’economia reale non ama sbalzi né in un senso né nell’altro ed ha bisogno di stabilità. La finanza punta al realizzo nel breve periodo: ad un finanziere non interessa affatto sapere se l’impresa, di cui sta acquistando le azioni, fra cinque anni fallirà, lui vuol solo sapere se dopodomani mattina riuscirà a rivendere quelle azioni a prezzo superiore a quello d’acquisto.

Vice versa, nell’economia reale, l’ammortamento degli investimenti non può avvenire che in tempi molto lunghi, nei quali sarebbe auspicabile che ci fossero meno sbalzi possibili. Ad esempio: se produco maniglie, acquistare ottone a prezzi ribassati è certamente un vantaggio, ma se poi questo si accompagna ad una fase deflattiva, di contrazione dei consumi, quel vantaggio di breve periodo non mi aiuta molto a superare il momento difficile. E, dunque, inflazione e deflazione nuocciono in egual misura a quella stabilità di cui l’azienda ha bisogno per pianificare i propri investimenti ed i propri rientri.

Allo stesso modo: una moneta forte ed in ascesa, permetterà condizioni più favorevoli di acquisto delle materie prime o di tecnologie dall’estero, ma ostacolerà le esportazioni. Vice versa, una moneta debole aiuta le esportazioni, ma penalizza nell’acquisto di materie prime e tecnologie dall’estero.

Peraltro, ogni mutamento di parità comporta costi di adeguamento, per cui, come mi insegnò 40 anni fa il “Manuale di Economia Marxista” di Ernest Mandel, chi si muove perde ed invece vince chi è relativamente più stabile degli altri. E, dunque, l’economia reale non ama le capriole che sono roba da zompafossi ed avventurieri, cioè da finanzieri.

Però, poi accade che l’economia reale si “vendichi” dei giocolieri della finanza, con il suo rude richiamo al principio di realtà, e manda i funamboli di Wall Street di sedere per terra. Ed è esattamente quello che sta accadendo.

Non si capisce bene sulla base di quali calcoli razionali, fra il 2011 e la metà del 2013, gli hedge fund hanno investito cifre massicce nel settore delle commodities ripromettendosi profitti da Mille e una notte. Solo che la “gelata” è arrivata molto prima del previsto e la tendenziale caduta della domanda aggregata mondiale ha innescato un processo di reazioni a catena per cui il Bloomberg Commodity Index (riferito a 22 materie prime) è sceso del 10% in meno di un anno, fra la fine del 2013 ed ottobre 2014 e, al posto di guadagni si sono profilate perdite sanguinose. Poi ci si sono aggiunte le ulteriori perdite per il capitombolo petrolifero (-30% in sei mesi).

Esemplare la vicenda della Brevan Howard Asset Management (la più grande “hedge fund macro” nel mondo, forte di una gestione per 40 miliardi di dollari, fondata nel 2002 da Alan Howard ed alcuni banchieri del Credis Suisse) ci ha rimesso l’osso del collo, ed ha dovuto liquidare il suo fondo da 630 milioni nel settore delle commodities, dopo perdite del 4,2% nel 2013 e del 4,3 da gennaio a ottobre.  Ed il tracollo del petrolio è stato una delle ragioni principali, causando una flessione del 10,3% del titolo solo nel mese di settembre.

Si tenga conto che la Brevan nei due anni precedenti aveva già smobilitato fondi specializzati in mercati emergenti e valute. In settembre, la Hall Commodities, ha annunciato ai clienti la chiusura anzitempo dopo due anni di attività con risultati magrissimi. Nei primi sei mesi del 2014 si sono chiusi 461 fondi medio piccoli o specializzati e, per fine anno si avvicineranno avvicinandosi terribilmente alle 1.023 del 2009, nel cuore della crisi.

Gli hedge fund, fondi iperspeculativi che per loro natura, devono assicurare rendimenti molto alti, ma in questo anno non hanno potuto assicurare più del 2%, tornando, più o meno, ai livelli del 2011. E il risultato è che i fondi devono metterci del proprio per dare ai clienti gli interessi promessi.

Risultato: Woodbine Capital Advisors si è arresa dopo che il suo asset è piombato a 400 milioni dai 3 miliardi del 2010. Altri fondi lanciati dalla potentissima Goldman Sachs come Global Macro e Kingsguard Advisors, hanno chiuso i battenti dopo meni di tre anni dalla nascita. Ed il cahier de doleance prosegue con Perella Weinberg Xerion Fund, Archipel Asset Management, e via sanguinando.

Va da sé che fasi di contrazione del mercato, come queste, spingono alla concentrazione e, infatti, i maggiori dieci gruppi mondiali stanno acquisendo una ventina dei circa 60 miliardi di dollari investiti nel settore, per reggere la pressione del mercato ed a sparire, ovviamente, sono i più piccoli. I “grossi” hanno certamente spalle robuste, ma i tempi non sono buoni per nessuno e, se il prezzo del petrolio dovesse flettere ancora, la pressione inizierebbe ad essere insostenibile e la nuova ondata di crisi, invece di sgonfiarsi, si ingrosserebbe ancor di più.

Anche perché si profila un elevato rischio insolvenza nel settore dello shale gas, ma di questo parleremo in un articolo ad hoc.

Al solito, già lo sappiamo, la Fed farà la solita doccia di miliardi ad interessi quasi zero  per fluidificare il mercato, e magari ancora una volta si riuscirà a metterci una pezza, ma quanto ancora può durare questo giochino?

Aldo Giannuli

aldo giannuli, Archipel Asset Management, Bloomberg Commodity Index, Brevan Howard Asset Management, Credis Suisse, crisi 2008, crisi 2012, energia, fed, grande crisi, Hall Commodities, Manuale di Economia Marxista, Perella Weinberg Xerion Fund, petrolio, speculazione finanziaria


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commento

  • ma l’isis col petrolio a sessanta dollari come se la caverà? tutto sommato nello scenario mediorientale si può trovare qualche spiegazione a questa sovrapproduzione di petrolio. anche l’iran oltretutto è tra gli svantaggiati. ma si tratta di uno stato relativamente potente e credo che ci voglia del tempo a eroderlo in questo modo, e lo stesso discorso dovrebbe valere per la russia, sebbene qualcuno evochi un clima di crollo del blocco sovietico eccetera. una struttura non completamente istituzionalizzata come l’isis dovrebbe risentire degli sbalzi finanziari molto peggio di uno stato sovrano tout court. e oltretutto prima di vendere petrolio erano completamente finanziati da privati cittadini di stati come emirati qatar e turchia che forse adesso trovano che il guinzaglio si è allungato troppo. vedremo come andrà in siria…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.