Perché Marino e Zingaretti devono dimettersi.

Lo scandalo che ha investito Roma e la Regione Lazio non è certo cosa di ordinaria amministrazione, si potrà discutere se il fenomeno sia classificabile come Mafia o come corruzione diffusa (direi sistemica), ma in ogni caso siamo al di là di ogni limite di decenza. D’accordo: il grosso delle porcherie appartengono più alle giunte precedenti che a quella ora in carica, anche se poi è ingiusto dire che tutto è iniziato con Alemanno e la Polverini, perché, le basi, se vogliamo, risalgono alle giunte Veltroni e Marrazzo targate Pd.

Possiamo convenire che gli attuali amministratori hanno trovato una brutta eredità e che, almeno sinora, non emerge nulla di penalmente rilevante a loro carico. Ma le responsabilità penali sono una cosa e quelle politiche sono un’altra. Nell’aula del Tribunale servono prove che dimostrino comportamenti positivi e personali per poter irrogare una condanna (siamo garantisti e non deflettiamo dal principio della responsabilità penale provata, insisto: provata), ma nelle aule dei consigli comunale e regionale (e peggio in quelle Parlamentari), la prova non è necessaria e neppure si richiede un comportamento personale positivo: se sei a capo di una istituzione e quella istituzione è un covo di malfattori, hai la responsabilità oggettiva di questo stato di cose.

Marino si difende dicendo di aver collaborato con la magistratura e di aver denunciato il malaffare, il che è vero, ma solo in piccola parte. Ha fatto troppo poco per potersela cavare. Zingaretti, poi, non può vantare neppure questa piccola scusante: non ha fatto praticamente nulla per ripulire la cloaca regionale. Quantomeno dovremmo parlare di una “culpa in vigilando” e ce n’è abbastanza per dare le dimissioni. Poi c’è un altro aspetto da considerare: lo scandalo ha distrutto la credibilità del comune, quali che siano le responsabilità individuali degli attuali consiglieri, questo consiglio non rappresenta più la città (e basta dare una occhiata ai sondaggi per capirlo). Dunque, non può restare in carica per un fatto politico, non penale.

Ma c’è una ragione più profonda, direi di ordine sistemico: quello che colpisce del caso romano non è l’entità del valore dei casi, ma il loro numero. Certo, mancano all’appello le voci decisive della sanità e dei grandi lavori (e chissà che zuppa verrà fuori quando la Procura dovesse cacciarci dento il naso!)  e quasi mai si parla di cifre che eccedono il milione di euro, sono in gran parte cose da decine o al massimo centinaia di migliaia di euro, che non è proprio il valore dei grandi affari di Mafia. Il punto è la quantità sterminata di episodi, diremmo la “quotidianità del crimine”. Ma una valanga di reati di quel genere non si fa senza una corruzione dilagante negli uffici comunali e regionali. Questa grandinata fa capire che dentro ci sono centinaia e centinaia (forse anche qualche migliaio) di impiegati che hanno dato manforte ai delinquenti e che, con ogni probabilità, abbiano avuto la loro convenienza a farlo. E poi ci sono le responsabilità dei dirigenti che forse non hanno preso neppure il becco d’un quattrino, ma che sicuramente hanno avuto un comportamento omissivo nell’impedire che i reati accadessero.

Allora, diciamocelo senza girarci intorno, se vogliamo risanare Roma, serve una grande “retata”: una indagine ufficio per ufficio, impiegato per impiegato che porti a centinaia di licenziamenti in tronco. So di dire una cosa grave, ma ci sono situazioni in cui occorre avere la mano pesante, molto pesante. Che serva di monito anche alle altre amministrazioni comunali nei cui uffici, pure, l’odore che si respira non è quello di brezza marina. E questo significa che chi procede non deve avere l’impiccio di un consiglio comunale che magari ha la tentazione di sfiduciare una giunta troppo severa, non deve avere il problema di stare a sentire i sindacati (che nel pubblico impiego fanno solo danni), e deve avere il supporto di norme ad hoc, pensate proprio per i commissariamenti di enti locali.

Ma vi sembra che possiamo sopportare cose come quelle compiute dai vigili capitolini fra Natale e Capodanno? A proposito: come è andata a finire l’azione disciplinare promessa?

Dunque, qui c’è bisogno che Marino tolga il disturbo nel più breve tempo possibile e che si nomini un commissario, possibilmente dotato di norme speciali ad hoc e di uno squadrone di finanzieri e poliziotti che proceda all’indagine amministrativa più minuziosa. Entro un anno il commissario deve ripulire l’amministrazione disponendo le sanzioni disciplinari necessarie: dall’ammonizione, alla sospensione, alla perdita di grado ed al licenziamento. Ad esempio, un dirigente che non ha vigilato adeguatamente va retrocesso, un impiegato che non ha svolto la pratica con la correttezza necessaria, ma con omissioni veniali sia ammonito, ma quello che ha materialmente partecipato al malaffare venga licenziato in tronco e gli atti siano trasmessi alla Procura. Stesse considerazioni valgono per la Regione.

Forse non sarebbe male se riscoprissimo gli strumenti disciplinari: se volete il rispetto della legalità cosicché l’onestà vada di moda, non è solo con la giustizia penale che lo otterrete ma anche facendo rigare dritto i dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Aldo Giannuli

aldo giannuli, alemanno, carminati, commissariamento comune di roma, comune di roma, corruzione sistemica, dimissioni marino, giunta alemanno, ignazio marino, mafia capitale, pd, pubblica amministrazione


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (11)

  • “E poi ci sono le responsabilità dei dirigenti che forse non hanno preso neppure il becco d’un quattrino…”
    E come no? Centinaia di impiegati che si fanno corrompere senza che siano coinvolti i dirigenti?
    Il pesce puzza dalla testa. E la testa è la prima a dover essere tagliata.

  • Tutto bello a parole: prof. dovrebbe sapere meglio di me che vengono impugnate finanche le sanzioni disciplinari verbali, un’azione del genere provocherebbe un ingolfamento astronomico dei Tribunali che già annegano nelle cartacce. Io mi limiterei ai casi di responsabilità penale (che cmq sappiamo quanto anni durano) e cercherei di allargarne il più possibile il cerchio senza preoccuparmi troppo se poi effettivamente delle sentt. di condanna arrivino o meno: come lezione sarà sufficiente il pagamento delle laute parcelle degli avv. penalisti che hanno meno scrupoli dei mafiosi veri quando quantificano la parcella.
    Quanto poi alla verifica della velocità di chiusura delle pratiche, agli errori veniali degli impiegati, alla efficienza in generale io farei un discorso un pò più largo sull’impostazione di tutta la P.A., dei mezzi messi a disposizione degli impiegati, della loro formazione, degli appalti per le forniture strumentali (assurdo che con distribuzioni di Linux gratuite ci si ostini ad usare quelle schifezze di winzozz che ad ogni iterazione sono sempre peggio delle precedenti e richiedono potenza di calcolo sempre maggiore per fare le stesse scemenze che si facevano 30’anni fa), della serietà dei concorsi pubblici e solo allora inizierei a mietere vittime tra i fannulloni.

  • La soluzione del caso romano e tutt’altro che facile. In teoria le dimissioni di Marino sembrano quasi obbligate, sembrano logiche, ma non è detto che siano la scelta migliore. Nei comuni commissariati capita che il commissario prefettizio non sia uno stinco di santo e non vedo perché in un sistema amministrativo profondamente intaccato dalla corruzione le prefetture dovrebbero essere luoghi di immacolata santità popolati solo da integerrimi funzionari dello stato. Un commissariamento non risolve. Insabbia. Statene certi.

    • daviud: ti
      utto dipende da che scelte fa il goerno, se ci manda un galioffo o non dà i mezzi per far pulizia si assume la responsabilità del malaffare

  • Che vadano previsti strumenti per la gestione quando si verificano questi eventi è ovvio. Lo rivendicano gli stessi magistrati che indagano. Infatti il maggior problema che questi personaggi hanno il diritto di preservare il lavoro e la loro posizione o similare quindi come fanno a decadere? CMQ non capisco perché Marino o Zingaretti devano dimettersi: non sono i responsabili, andare a elezioni non rimuove i personaggi coinvolti perché sono assunti e non eletti (anzi Marino è andato dalla GF a smuovere le acque) , inoltre le elezioni distraggono la popolazione dal problema spostandolo sulla campagna elettorale. Non sarebbe meglio affidare i poteri speciali a Marino per ristrutturare il sistema, perché la persona più competente se non ha gli strumenti è inutile affidargli il compito!! Chiedere elezioni preventive è solo auspicarsi che il torbido continui.

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    Stavolta sono d’accordo col professore. Vivo a Roma e so che occorrerebbe una “occupazione manu militari” con costituzione di campi di concentramento per i meritevoli. Vivere a Roma è difficile e lavorarci quasi impossibile. Raggiungere il posto di lavoro impresa improba. Ovviamente i nostri governanti cinguettano che è per colpa degli evasori fiscali, perché se tutti pagassero le tasse eh allora si che si avrebbero i soldi per far funzionare le cose. Il vecchio trucco sovietico: purtroppo i controrivoluzionari hanno boicottato la rivoluzione.
    PS Professore non è che lei sotto sotto auspica non un commissario ma elezioni anticipate al comune sperando in un M5S oltre il 30% che farebbe scattare cosa sappiamo noi? A pensar male …

  • Il problema di base, non solo in questa vicenda, è che purtroppo ormai da tempo il compito che la politica dovrebbe avere, e cioè selezionare una classe dirigente degna di essere chiamata onorevole, viene demandato alla magistratura aspettando in tutti i casi perfino il terzo grado di giudizio. Citando il Dott. Piercamillo Davigo, se io invito a casa mia una persona e la vedo che poi esce con un qualcosa di mio in tasca, la denuncio ma non aspetto il terzo grado di giudizio che mi conferma che è un ladro per non invitarla più, non la invito più punto e basta, in quanto moralmente non voglio che faccia parte della cerchia dei miei conoscenti!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.