Pd: cova la rivolta dei boiardi.

Qualcosa si sta muovendo nelle viscere profonde del Pd: il governatore della Toscana, Enrico Rossi, annuncia di volersi candidare come segretario del Pd, quello della Campania De Luca, già da tempo ha mugugnato contro Renzi, ora è la volta del governatore della Puglia, Emiliano, che si permette apertissime frecciate contro il Premier reo di aver disertato l’inaugurazione della Fiera del Levante.

Poi sappiano dei malumori di Marino e Zingaretti che non si sono sentiti abbastanza difesi per la storia di Mafia-Capitale, mentre Fiano e Majorino non hanno apprezzato l’aperta sfiducia di Renzi nei loro confronti.

Quello che colpisce è che la maggior parte di questi nomi non appartengono affatto alla minoranza bersaniana del Pd, ma sono personaggi che, a suo tempo, hanno votato per Renzi.

E’ una situazione che mi ricorda il capitombolo  di un altro famoso toscano negli anni cinquanta, Amintore Fanfani da Arezzo (ricordate sempre il nome di questa città: Arezzo…). Anche lui non si contentò di fare il Presidente del Consiglio ma volle restare segretario del partito e mal gliene incolse, perché l’anima profonda del partito (la provincia triveneta e lucana, i boiardi di Puglia, Campania e Liguria, i padri nobili sardi) non gradì e, con una congiura tessuta nel convento romano di Santa Dorotea, lo depose da tutte due le cariche. Non c’era nessun dissenso sostanziale di linea, anzi i congiurati si collocavano tanto alla sua destra quanto alla sua sinistra, il punto era la distribuzione del potere nel partito.

Non vi sembra una foto somigliantissima a quello che va covando in queste settimane nel pancione della nuova “balena Bianca”? D’altra parte, se il Pd vuole diventare del tutto la nuova Dc, ci vogliono anche i neo dorotei. Anche se, per la verità, Renzi come nuovo Fanfani lascia molto a desiderare (quello originale aveva un pensiero strategico, non era solo un volgare accentratore di potere).

Staremo a vedere nei prossimi giorni come andrà a finire la riforma del Senato, sulla quale la minoranza di “sinistra” resiste impavida sfidando la tempesta (ma voi ci credete?!). Però, nel segreto dell’urna potrebbe anche fioccare qualche “no” non bersaniano: la vita è piena di imprevisti.

Ma, al di là di quello che può succedere al Senato, il futuro non si prospetta particolarmente roseo per il Pd. Anche perché, al solito, il Pd mostra di non capire assolutamente nulla di sistemi elettorali. Mi spiego: se io fossi il leader di un partito di maggioranza relativa, avrei interesse ad un sistema elettorale maggioritario secco ad un solo turno. Il secondo turno è una possibilità di recupero data ai miei concorrenti. E peggio ancora se i risultati delle amministrative dicono che il mio partito ha uno scarsissimo appeal sulle altre aree elettorali, per cui, fra un turno e l’altro, aggiunge pochissimo, mentre il mio concorrente (chiunque esso sia) mostra di aggiungere molti più consensi. E più ancora se il premio va alla singola lista e non ad una coalizione.

Vediamo quale è il caso del Pd: i sondaggi lo danno chi in leggero calo ulteriore, chi in lieve ripresa, comunque non sotto il 32%, inoltre le frattaglie del centro (Alfano, ex montiani ecc) e i rimasugli di Sel sembrano pronti a confluire nella lista di Renzi. Quindi un 37-38% di primo turno è una previsione per nulla azzardata. Vice versa, la destra, per ora ancora frattumatissima, pur sommando tutti i pezzi (da Fitto a Salvini, da Tosi a Berlusconi alla Meloni) difficilmente sfiorerà il 30% e rischia di andare sotto il 25%, comunque sembra molto distante dal traguardo della maggioranza relativa al primo turno. Il M5s  è stimato al 26 ed è ragionevole (anche se per nulla sicuro) che possa superare il 30 ed attestarsi al 32-33% nella migliore delle ipotesi, comunque, anche in questo caso siamo a diverse lunghezze di distanza dal Pd. Poi c’è il solito 7-8% di voto disperso dal quale comunque, sembra difficile che il Pd possa attingere in un secondo turno. Facciamo l’esempio di quel che resta di Rifondazione Comunista: se i suoi elettori non fossero disposti a votare per il Pd in un sistema elettorale ad un solo turno, vuol dire che, nel caso di un sistema a due turni, non sarebbero lo stesso disposti a votare Pd.

Dunque, vediamo che succede in caso di ballottaggio fra Pd e destra, arbitri sarebbero gli elettori del M5s e la lezione di Venezia dice che in gran parte si asterrebbero ma una porzione voterebbe per la destra mentre nessuno voterebbe Pd.

Ballottaggio Pd-5stelle: peggio ancora, come dimostrano i casi di Livorno, Parma ecc., gli elettori di destra votano 5stelle pur di battere il Pd.

Insomma, chi vota Pd lo fa al primo turno, dopo se arriva qualcosa, arrivano le briciole, mentre un segmento ragguardevole dell’elettorato del polo esclusosi riversa sullo sfidante.

Ed è sintomatico che il M5s (allo stato dei fatti, il probabile sfidante del Pd ad un eventuale secondo turno) stia scegliendo Luigi Di Maio come suo candidato premier: la testa più politica del movimento (insieme a Fico), l’uomo che non grida e sa essere rassicurante ed ha un profilo che può piacere all’elettorato moderato. Insomma, questa volta il M5s fa sul serio e non si limita a partecipare: punta a vincere. Io, al posto di Renzi, prenderei la cosa molto sul serio.

Ed allora, per Renzi, che senso ha puntare le carte su un sistema elettorale che, oltre che incostituzionale ed antidemocratico, è anche quello che gli è più sfavorevole? Già Occhetto scosse l’albero perché Berlusconi raccogliesse i frutti. Ho l’impressione che la storia si ripeta e forse anche questo spiega le convulsioni attuali nel gran correntone renziano.

Aldo Giannuli

aldo giannuli, alfano, ballottaggio pd-m5s, centro destra, corrente renziana, fanfani, lega, legge elettorale, minoranza pd, renzi, riforma del senato, rivolta dei boiardi, salvini, sinistra pd


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (6)

  • Con qualche difficoltà vedo il parallelismo tra il Professorino Fanfani, Padre Costituente, e l’altro termine.
    Volutamente ne parlo senza citarlo, perchè la stessa tecnica può essere usata in televisione: non mi ci faccio vedere vicino per non dargli occasione di farlo passare in TV o, peggio, di rubare la scena, tanto più se c’è “u trajin”, che a Bari è stato preso dal sottosegretario.
    Per chi non è nato sulle rive dell’Adige, u trajin può essere tradotto come Cavallo di Troia, fossa dei leoni, imboscata politica.
    La politica (meglio: la raccolta del consenso) di chi si vuole costruire un’immagine è sempre più dettata dal marketing degli uffici stampa.
    R. , pur di non appannare la sua immagine, sarebbe andato in qualsiasi altro posto, cosa che ha fatto. Che poi sia appassionato di tennis, tennis tavolo o calcio storico è discorso diverso.

    • mi consenta di dissentire dalla sua interpretazione dell’antico provenzale “u trajin” che Lei riporta nel senso figurato di “cavallo di Troia” o “imboscata politica”. L’espressione, in realtà è più pesante e non sta solo in luogo di “Tranello” (in siciliano “Trainello” Camilleri docet), ma sta proprio per “tradimento” di solito accoppiato all’ espressione (sempre provenzale) “n’fam”.
      Dunque lei ipotizza ci fosse un Iscariota in loco?

      • Parole grosse. Ipotizzo che chi ha studiato da Primo ministro sappia fiutare chi sta studiando o chi riceve le dispense da Primo (secondo, terzo o quarto) ministro. Del resto, anche durante la prima repubblica il segretario nazionale aveva staturariamente un filo diretto con le periferie per arginare lo strapotere dei ras locali. Poi è un dato che in periferia solo due persone sapessero del bidone e hanno tenuto celata la notizia, la quale di fatto è stata deglutita come tanto altro, non fosse altro per tenere alta la valutazione del brand.
        R. avrà pensato che Flushing Meadows val bene le liturgie della prima repubblica, i fischi, il padiglione delle nazioni e il circo mediatico che ci avrebbe ricamato sopra per giorni. I mal di pancia sono stati tanto blandi al punto che R. non ha avuto neppure bisogno di ricordare che si tratta di un appuntamento istituzionalizzato da Mussolini.
        La galassia democristiana aveva di tutto al suo interno, incluse tribù dalle alleaze a geometria variabile.
        Per il resto non devo insegnare proprio a Lei le meccaniche dell’informazione.

  • e si il prossimo congresso del pd promette bene, ma sarà sufficiente? La smania di presentarsi come vincitore a Renzi lo ha portato a NY sfruttando la sua posizione di primo ministro per il volo, l’ingresso allo stadio come qualsiasi normale cittadino. Piantando in asso la fiera degli industriali della regione delle tenniste. Non ho mai visto il pd difendere con compiacimento un autogol. Nel pd attualmente sembra esserci una epurazione e un trasformismo. Quindi forse Renzi sarà ridimensionato, difficilmente scomparirà. cmq tutto questo non favorisce né svantaggia il m5s, caso mai nel m5s mi preoccuperei dell’azione politica del movimento, ad esempio la strada in sicilia l’idea simpatica ma ineficace come dimostrato dai cartelli e immatura come presunzione a sostituirse allo Stato nella pianificazione stradale. Forse è un po’ presto perché il m5s aspiri al governo dello Stato.

  • Caro professore, le sue ipotesi di ballottaggio sembrano non considerare un fattore fondamentale: il fatto che Renzi e il PD avrebbero dalla loro tutto l’apparato propagandistico del regime. I sindaci di Parma, Livorno e Venezia sono stati eletti in un contesto molto limitato; è lecito aspettarsi inoltre che una parte dell’elettorato M5S voti PD al ballottaggio in chiave anti-salviniana, mentre, in caso di tenzone PD/movimento, una parte rilevante del centro-destra voterebbe Renzi in un’ottica “conservatrice”. Insomma, ed è questa la logica dell’Italicum, il Pd avrebbe in ogni caso la vittoria in pugno, con i patemi d’animo utilissimi a galvanizzare le proprie truppe (fermiamo i fassisti ecc.).
    P.S.: sto godendo come un riccio per la vittoria di Corbin alle primarie laburiste, e per le dichiarazioni disfattiste dei vari soloni delle “sinistre” continentali. A quando un suo articolo?
    Saluti, Moravagine.

  • Viene rievocato un cavallo di razza come Amintore Fanfani, non un equino azzoppato come Renzi, uno dei leader storici della democrazia cristiana,ma non vengono citati i suoi trascorsi giovanili.Egli fu collaboratore della Scuola di mistica fascista ma anche del quindicinale del vituperato Telesio Interlandi, firmatario del celebre manifesto del 1938, convinto sostenitore in economia del corporativismo.Citarlo facendo dei paragoni con il nominato mai eletto dal popolo bue, Renzi che passerà alla cronaca mai alla storia, come statistico ,di certo non come statista, è un paragono improponibile.E’ in gioventù che ci si forma poi nella età matura si da il meglio di noi stessi. Chi come chi scrive non ha di certo una verde età ricorderà il “fanfascismo” e la continua campagna di odio nei suoi confronti, da parte degli oltranzisti di sinistra.Costoro adesso hanno scoperto il nuovo idolo di cartapesta dopo il greco Tsipras ecco spuntare il britannico Corbin.Finirà in farsa come per la marionetta di Atene. Gli oltranzisti di sinistra sono dei malati terminali, affetti da un carcinoma devastante al cervello, inutile ogni cura, sono inguaribili, incurabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.