Nagorno Karabak, Libia ed altro

La breve guerra fra Azeri e Armeni per il momento sembra si sia conclusa con la vittoria degli Azeri, sostenuti dalla Turchia. Una situazione di equilibrio che richiama quanto è accaduto in Libia, dove si è trovata una stabilità tra Turchia e Russia, che ha determinato un pericolante accordo. Che succede dunque sullo scacchiere internazionale e quale ruolo (non) gioca l’Italia?
In caso di problemi con la visualizzazione del video, clicca qui per vederlo.

aldo giannuli, geopolitica, libia, politica estera italia


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (11)

  • Non faccio in tempo ad andarmene … che la nave va fuori rotta …
    Magari le cose fossero come sono raccontate nel video!
    L’allegra combriccola della Clinton, Obama, Sarko, Cameron condannato dal suo parlamento, Henri Bernad Levi, Berlusconi, Napolitano, La Russa, Frattini ? ce li siamo dimenticati?
    Con l’intervento in Libia si è scoperchiato il vaso di Pandora.
    Ringraziamo gli ST.R.ONZ.I. per i quali l’Italia era ed è sacrificabile, al punto di farle fare una guerra contro se stessa. Altri politici di pasta differente avrebbero detto no agli americani e ai francesi.
    Il resto è vento dopo.
    Venuto dopo anche la fregata francese che illuminata dai radar di tiro turchi, ha tagliato la corda … eppure la Francia è potenza atomica, con tanto di sottomarini atomici … con una marina militare superiore a quella italiana ..
    I turchi sono quello che sono nel fare cose turche, ma non crediamo che gli ST.R.ONZ.I. siano migliori !
    Questa è una brutta storia piena di anti italianità.
    Per non dire del Qatar e degli Emirati …
    Personalmente non comprendo come si possa essere fascisti fuori dal tempo che fu. Comprendo ancor meno chi oggi si professa fascista, salvo fare la guerra all’Eni.
    Questo è ciò che ha seminato il governo Berlusconi. … e chi è venuto dopo ha coltivato.

    • I vari Moro, Fanfani, Andreotti, Berlinguer, Longo, Pajetta, Jotti, La Malfa, Saragat, Almirante, Nenni, Craxi, Lombardi … si sarebbero riuniti e avrebbero fatto cantare in arabo Sarko e la Clinton.
      Quelli che abbiamo ora sono simulacri.
      Di Giggino ho smesso di occuparmi, perchè era come fare il tiro al piccione … Halfanus …

  • Berluscone, prima ricevette con tutti gli onori Gheddafi .. e poi lo bombardò, malgrado la sua parola d’onore …
    Mi sono vergognato allora di essere italiano, perchè ero governato da quei politici.
    Raccontiamola tutta.

  • I vari Moro, Fanfani, Andreotti, Berlinguer, Longo, Pajetta, Jotti, La Malfa, Saragat, Almirante, Nenni, Craxi, Lombardi … si sarebbero riuniti e avrebbero fatto cantare in arabo Sarko e la Clinton.
    Quelli che abbiamo ora sono simulacri.
    Di Giggino ho smesso di occuparmi, perchè era come fare il tiro al piccione … Halfanus …

  • … e poi arrivò Biden o Bidè, che nel secondo giro di telefonate, ha detto all’Italia che bisogna stringere più forti rapporti …
    Mah, speriamo che Bidè non abbia voglia di bombardare il MEssico o il Canada.

    • Ci si stupisce che nei sondaggi gli ST.ONZ.I. vengano percepiti come nemici-avversari dell’Italia …
      La propaganda degli stereotipi triti dipinge l’Italia come inaffidabile, instabile, irrilevante, colpevole di tutto, da evitare …
      E loro che sono ?
      Traditori ???
      ST.R.ONZ.I. !
      Sullo sfondo c’è l’impegno chiesto alla Marina italiana dagli USA in funzione anti cinese, quando ancora la ferita libica è aperta.
      Il pentimento di Obama non serve a nulla, se non a confermare che il Berlucone IV è stato uno ei peggiori governi italiani.
      Ovvio che Kim coreano si tenga stretta la sua atomica. E’ l’assicurazione per non fare la fine di Gheddafi.
      Come fa Zio Sam ad essere anti italiano, e non da oggi, visto che ha l’8% della popolazione di origine italiana e in Italia ci sono circa 100.000 statunitensi??
      Sarà pure una super potenza, ma anche di stupidità, visto che si fanno telecomandare.
      Vadano gli ST.R.ONZ.I. a fare la loro guerra contro la Cina. Di giorno fanno affari d’oro col Dragone .. di notte gli mandino le cannoniere …
      Quanta ipocrisia !!

  • Gli stivali si possono anche mettere sula sabbia, ma l’idea di posarli in alleanza con gli ST.R.ONZ.I. che hanno creato il caos libico, è un azzardo non da poco.
    A furia di maltrattare l’Italia a suon di schiaffi … riusciranno col tempo i nostri beneamati a farne una potenza nucleare, che scivolerà verso posizioni neutraliste.
    Buon ultimo in questo senso, Macron, fallimentare da tanti punti di vista, ha dato un contributo politico eccezionale verso quest’opzione, per non dire della Merkel …
    Appena avremo una classe politica degna, questa si farà la sua assicurazione atomica contro quei razzisti, mappini e traditori che fanno la voce grossa.
    Kim e Gheddafi hanno fatto scuola …
    Chissà che non ci pensi anche Erdogan alla sua assicurazione atomica.
    Ci voleva un premio Nobel per la Pace come Obama per seminare tanta guerra e per far saltare le alleanze, che bene o male, il loro compito lo avevano assolto.
    Mandare Obana nel Mar cinese meridionale, e lasciarlo in compagnia dell’ambasciatore Bush padre, non sarebbe male. Solo che bisognava farlo alcuni lustri fa.

  • Il pelatone aveva la fregola di sedersi al tavolo dei vincitori e sedette l’Italia intera.
    Ci tocca avere in casa gli americani e bere quella specie di acqua sporca che è la c. cola.
    La logica imperiale a stelle e strisce da qualche parte c’è.
    Ma essere servi di Sarko è troppo, anche perchè la Guerra Fredda era stata vinta e nel secondo conflitto mondiale i galletti le hanno prese da tutti, italiani incusi.
    Si è vista poi la fine politica ingloriosa del Berluscone e quale trattamento gli abbiano riservato i suoi amici europei.
    Se quella gente di governo può essere serva di Sarko, può essere serva di tutti, pure dei turchi, degli egiziani, degli arabi e dei lillipuziani.
    Noi paghiamo oggi gli errori del governo Berlusco IV .
    Quelli è troppo pure chiamarli fascisti

  • In Francia le forze dell’odine pestano a sangue un produttore mass mediale di colore, all’interno dei suoi studi di produzione. Il tutto viene immortalato dalle telecamere. Il video diventa virale.
    Gli agenti sono stati mandati a casa.
    Macron ci mette una pezza, dichiarandosi “arrabbiato”. Uhhh !!
    Presidente, che si dice di Benalla?
    Presidente, perchè tace sulle violenze della polizia, altrettanto documentate, sui pacifici manifestanti gilet gialli?
    Visit France.
    Aspetta e spera !!
    Non ci vengo neppure spesato e gratis, ancor di più con la tintarella.
    Viva le President

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.