#ForzaMagura: storia dell’uomo che fregava la CIA

La storia delle spie è spesso fatta di fantasmi. Uomini che operano ma non esistono, uomini ombra. Durante la lavorazione di “L’insolita morte di Erio Codecà“, ci siamo imbattuti in uno di essi: Jacob Magura, un romeno che era rimasto sostanzialmente sepolto sotto la polvere della Storia.

Abbiamo notizie di Magura per la prima volta a Londra, nel 1949. Formalmente Magura era l’addetto commerciale della legazione romena, ma le sue attività Oltremanica non devono essere state proprio limpidissime se, da un articolo del The Register Guard del 2 febbraio 1949, sappiamo che venne espulso dal Paese con tanto di comunicato stizzito del ministro degli esteri Ernest Bevin.

Circa un mese dopo, in una dichiarazione ripresa dal Niagara Falls Gazette, Charles Robinson e William Watson, ex-diplomatici inglesi in servizio in Romania, asserivano che si trattava di un personaggio che aveva preso «parte attiva a cospirazioni di macchinatori, spie e sabotatori». Ma quali erano state queste operazioni segrete sarebbe emerso solo alcuni anni dopo.

Nel giugno del ’53 Magura, in quel momento addetto commerciale della legazione romena di Berna, era sul treno Como-Chiasso. Fermato per un controllo documenti, ed approfittando della momentanea assenza del capotreno, si buttava dal convoglio in corsa. Perché? Nello stesso momento, erano eseguiti arresti in tutto il nord Italia. Dietro c’era qualcosa di grosso: contrabbando. Putiferio sui giornali. Metalli strategici, si diceva, e di gran valore: qualcuno parlò di mezzo miliardo di dollari. Forniture statunitensi che sarebbero dovute finire alle aziende italiane, in un’ottica di sostegno alla futura Comunità Europea di Difesa, e invece…

Di più non possiamo rivelare. Ci limitiamo a dire che Magura era cervello fino e figura di spicco dell’intelligence comunista di quegli anni: la mente che tirava le fila di un immenso gioco. La CIA è il FBI non lo avevano particolarmente in simpatia. A lui lo statunitense Charles Siragusa, storico agente federale dell’Antidroga, dedica un capitolo del suo libro di memorie, “La pista del papavero“. Siragusa parla del romeno con odio e ammirazione. In eguali quantità. Non ci risulta che Jacob Magura sia mai stato preso.

<< Jacob Magura sorride di un sorriso assassino. «Io non sono cosi comprensivo nelle cose della mia vita. E poi non sono mai stato ambasciatore.»
Ridacchia come un bambino, scopertamente e senza compromessi d’etichetta. Spazza prima le ghette immacolate che gli coprono le scarpe di vernicetta, e poi i sottilissimi baffi. Torna a guardarmi.>>

Ivan Brentari,   Aldo Giannuli

aldo giannuli, charles siragusa, cia, erio codecà, fbi, ivan brentari, jacob magura


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (2)

  • La via dell’oppio è ancora là, ben presidiata da talebani da una parte e coalizione dall’altra. J. Magura invece non c’è più. Come tante altre figure di cui questo pianeta potrebbe fare volentieri a meno.
    Cordialmente

  • Avatar

    Pietro Speroni di Fenizio

    Piccolo refuso: “La CIA è il FBI non lo avevano particolarmente in simpatia. ”
    Credo voglia dire: ne la Cia, ne l’FBI lo avevano…

    non c’è bisogno che fa passare il commento. è solo per lei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.