Il duello Conte-Renzi, gli Usa ed i servizi segreti

Ci tocca occuparci di un tema deprimente, sconsolante, ma che sembra stia arrivando al culmine tra oggi ed i prossimi giorni. Cosa c’è davvero dietro lo scontro in corso? Ragioniamo insieme.

In caso di problemi con la visualizzazione del video, clicca qui per vederlo.

aldo giannuli, conte, crisi di governo, renzi


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (9)

  • Dopo lo scippo di Obama della vice segreteria della Nato all’Italia è difficile che un italiano occupi la segreteria generale.
    Chiamarsi Bomba non è sufficiente. Los nordicos preferirebbero piuttosto piazzarci Mr Bean.
    Quella poltrona andrà ad un orientale dalla Romania in su, con i polacchi in prima fila, per non dire dei baltici.

  • Renzi che si autocandida a Bruxell per salvarsi e lasciare i suoi in braghe di tela?
    In questo momento la NATO ha bisogno di un uomo con un palmo di pelo sullo stomaco … per non dire che solitamente il S.G. parla un fluente inglese, per non dire che la Farnesina e Palazzo Chigi sono sedi vacanti da anni.
    La Difesa italiana che esprime ? Mah !
    Perchè Renzi non torna a candidarsi come sindaco di Firenze?
    Farebbe il pieno di voti da Tallin a Costanza

  • tra tutti i lacche’ e arrivisti della politica italiana non c’e’ una sola persona capace. Questa e’ la vera disgrazia, molto piu del debito pubblico e del covid.

  • Un effetto collaterale che si prospetta e’ la richiesta di appoggio esterno a Forza Italia facendo rientrare dalla finestra Berlusconi, Letta ecc.

    Se questo sara’ l’esito, sembra verosimile un “gioco delle tre carte” preparato insieme.

  • ACME NEWS
    Stanotte il Comando Generale delle Forze Interalleate in Europa è entrato in allarme rosso a causa delle fibrillazioni politiche innescate dalla crisi di Governo in Italia.
    Si teme che le ambizioni di un politico non meglio indicato dall’Ufficio Stampa della NATO, possano alterare significativamente gli equilibri militari nell’Europa Orientale e dar luogo ad una serie di escalation alle frontiere dell’Alleanza.
    Il Comandante, Generale di Corpo d’Armata Pop Corn, ha firmato l’ordine esecutivo per rendere operativa l’arma super segreta custodita nei cassetti del Comando.
    Ai più stretti collaboratori il Generale ha distribuito una grattugia di ottima fattura in acciaio inox, made in Italy.
    L’insolito arnese è stato immediatamente rifiutato dai tedeschi e dai francesi, quale offesa all’orgoglio nazionale, ma la protesta è immediatamente rientrata non appena Pop Corn ne ha spiegato l’uso tattico.
    A conclusione del briefing è stato ordinato ai militari presenti di grattarsi, grattugiarsi, strofinarsi in funzione anti sfiga sull’arma segreta, onde dare il buon esempio alla truppa.
    Il dispositivo militare è stato rinforzato, rispolverando l’arma super segreta BertyNights in grado di ribaltare le sorti del peggior quadro tattico.
    In un luogo inaccessibile dell’Appennino è stata spalancata la cupola di potente osservatorio, apparentemente in disuso, per sparare un potente raggio cosmico B anti jella. Le cronache segrete della strabiliante invenzione riportano che per la prima volta fu testato in Italia su un politico che proponeva di far uscire l’Italia dalla NATO. L’effetto inverso del raggio B, dal nome del politico sul quale fu testato per primo, destò all’epoca stupore tra i pochi che ne erano a conoscenza. Invece di uscire l’Italia dalla NATO, fu il politico a fuoriuscire dal Parlamento.
    Da allora Russi e Americani si impegnarono a non usare reciprocamente la micidiale arma non convenzionale, se non per casi di eccezionalissima urgenza e necessità.
    Il Cremlino è stato avvisato dell’uso dell’arma segretissima, senza che avesse nulla da obiettare.
    Nell’ipotesi di ardue elezioni anticipate in Italia, il raggio B è stato caricato, pronto per l’uso, allo scopo di far uscire dal Parlamento il “non meglio indicato”.
    Gli Americani hanno rassicurato i Russi sull’assenza di conseguenze collaterali.

  • C’è crisi e crisi.
    Nel film del 1973, “Quelle strane occasioni/il superman italiano, il Giobatta di Nanny Loy ci aveva avvertito di cosa fosse la società ( e la politica) in Olanda.
    Il governo Rutte è stato beccato con le mani nella marmellata ammuffita, addirittura in danno dei genitori con bambini. Si è dimesso.
    Fin qui nulla di inusuale per le cronache politiche.
    Colpisce invece il modo edulcorato con cui viene trattato dalla stampa, a lungo silente, quasi fosse una mera questione contabile di dare/avere da parte dei cattivissimi uffici finanziari olandesi. Come se l’amministrazione si fosse imbizzarrita …
    Per casi analoghi verificatisi in Italia la stampa internazionale ha stato tirato fuori tutto il lessico possibile.
    Rutte si presenterà come capolista alle prossime elezioni. Ovviamente …
    Questa sarebbe l’etica delle cicale, ovvero di quelli che ci chiamano maiali (PIGS).
    Forse Rutte ha infastidito qualche suo potente vicino … Forse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.