Grazie Augias!

Nei giorni scorsi Corrado Augias ha restituito la Legion D’Onore, ordine conferito dalla Francia a donne e uomini, sia cittadini francesi sia stranieri, per meriti straordinari nella vita militare e civile, per protestare contro il conferimento della stessa onorificenza al presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi in riferimento all’omocidio di Giulio Regeni ed alla carcerazione a cui da mesi è sottoposto vergognosamente Patrick Zaki.
A lui deve andare la nostra gratitudine, per un gesto che segnala una reazione che è mancata completamente ai nostri governanti, che si sono fatti prendere in giro per tutto questo tempo.
In caso di problemi con la visualizzazione del video, clicca qui per vederlo.

aldo giannuli, corrado augias, giulio regeni


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (6)

  • Dal sito ufficiale della legione.
    2. What is its purpose?
    As an honor, the Legion of Honor does not include any actual material or financial benefit. However, it is an invaluable source of pride for the recipients and their families and an example of civic service made public.
    (in Italia, malgrado tutto se la tengono stretta stretta)
    3. Who is eligible?
    Any French citizen with no criminal record, who has demonstrated outstanding merits in the service of the nation, in a military or a civilian capacity. Twenty years of activity at least are required to qualify for the Legion of Honor.
    (Al Sisi in effetti non è francese.
    Liberati da te, legali te, intu …)
    4. How many have received it?
    The Legion of Honor has 92,000 members. Every year a maximim of 2 800 people can be inducted, in a military capacity or as civilians.
    Some 320 foreigners can be awarded this honor every year but, unlike French nationals, they are not members of the Legion of Honor.
    (Che nazionalisti ! E in Italia se la tengono stretta, pur essendo considerati sottofanti! Mah. chi capisce i vanagloriosi ?! )
    5. Can one apply for it?
    The Legion of Honor cannot be applied for.
    French ministers are responsible for identifying potential honorees, relying on the societal network (parliamentarians, mayors, employers, leaders of trade unions or non-profit organizations, presidents of professional or sports federations…).
    (che sospiro sapere di non essere candidabile!)
    6. Can it be turned down?
    Some people express their objection in principle to the Legion of Honor though they have not received it. In their case, we cannot speak of refusal.
    Turning down the Legion of Honor implies prior admittance to the Order, by decree published in the Official Journal. In this very rare case of refusal, the relevant individuals choose not to receive the decoration.
    (Che ipocrisie!)
    7. Can it be taken away?
    The honor can be revoked in the event of criminal conviction, or any action that is dishonorable or that may harm the interests of France. The exclusion measure is announced by decree.
    (e con l’egiziano ?)
    8. What does it look like?
    The color of the ribbon is red. The badge is a five-armed Maltese asterisk hung on an oak and laurel wreath. On the obverse is the effigy of the Republic and on the reverse two tricolor flags surrounded by the motto “Honneur et Patrie” (Honor and Fatherland).
    (di chi?)
    9. When and how is it worn?
    The Legion of Honor is worn before any other French or foreign insignia, on the left-hand side. On informal attire, one wears lapel insignia (ribbon or rosette). Pendants and small-size decorations are preferred for official ceremonies. The military has its own rules for wearing insignia.
    (l’imperialismo della patacca)
    10. How is it evolving?
    The Legion of Honor belongs to its time and adapts to changes in society.
    It recognizes more and more the role of non-profit organizations end employees, the life achievements of persons of modest origins, and the place of women through strict gender parity in each civilian awardees class.
    (E’ meglio l’ordine della puccia al polpo)

  • ACME NEWS
    Di buon ora, al citofono della nostra Agenzia si è attaccato un signore sulla quarantina, dai modi affabili, con un a vago accento frangese (voce del verbo frangere), munito di tutto e di più, per propinarci la sua mercanzia.
    Coperto in volto da una mascherina, ha iniziato a sciorinare l’universo mondo del suo campionario.
    Malgrado l’invito a passare oltre, il piazzista porta a porta si è intestata anche la lotta mondiale alle zanzare.
    Pur di far fuori il seccante insetto, il nostro sarebbe stato felice di vendere una squadriglia di aerei per dare la caccia alla zanzara. In omaggio avrebbe fornito l’artiglieria.
    La mirabolante presentazione delle meraviglie frangesi è stata interrotta da Filomena Dal Pilar, la quale con la scopa di pungitopo ha inseguito il piazzista, reo di avergli rifilato la scorsa settimana un frullatore difettoso.
    Il piazzista è stato fatto segno di diversi colpi di scopa da Filomena, fintanto che questi ha raggiunto la Pazza centrale, dove è salito a bordo di un’automobile di un complice che lo aspettava col motore accesso.
    Il piazzista altri non è che un noto malfattore conosciuto dalle forze dell’ordine per aver orchestrato diverse truffe ai danni di alcuni paesi del terzo mondo.

  • … e poi ci sbeffeggiano sul perché in Italia non abbiamo avuto una Rivoluzione, come in Inghilterra, Germania, Francia, Russia, Stati Uniti …
    Nella migliore delle ipotesi ci considerano gli eredi dei venditori di indulgenze.

  • A me fanno sorridere gli insigniti stranieri, talvolta anche con responsabilità nelle Forze Armate, che accettano di diventare legionari, cioè fanti, neanche con tutti i diritti, ma sotto fanti di Napoleone, al quale nulla interessava dei propri soldati.
    La grandeur … delle patacche.

  • Lo ammetto. Mi son lasciato sfuggire le acrobazie di Nostra Signora del Cappello su conferimento della Lejon ad Al Sisi, forse perché sono allergico ai suoi salti acrobatici, ovvero al cerchiobottismo.
    Nostra Signora dalle colonne della Repubblica ha indirizzato un papiro a Macron. Si è risparmiata il francobollo.
    Povero Macron & collaboratori, saranno stati stremati da una predica in italiano che non hanno letto.
    L’esercizio cartaceo di Nostra Signora le ha consentito di tenersi stretta la Lejon, di fare una bella figura con i lettori italiani, e di non urtare Macron, riguardandosi bene dal consegnare la patacca.
    Esempio massimo di cerchiobottismo internazionale.
    Costei é stata Ministro degli Esteri per grazia ricevuta da San Marco Pannella, ha studiato al Cairo e mille altri viaggi tra il jet set mondiale, femminista, terzomondista, e tanti altri aggettivi.
    Ma alla fin fine la sostanza partorita è un papiro in italiano.
    Farnesina, sede vacante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.