Consigli di lettura #1

Un paio di settimane fa, “La Lettura” mi ha chiesto una brevissima segnalazione di sette libri che, per un motivo o per l’altro, ritenessi degni di segnalazione, accompagnandoli con una riga che ne spiegasse le ragioni della scelta. La lista non avrebbe dovuto  essere necessariamente composta esclusivamente dai titoli più recenti (però privilegiandoli) o solo da classici, ma curata con una certa libertà. Ho scelto di segnalare le mie letture-riletture degli ultimi due mesi. Mi sembra un esperimento interessante, per cui penso di farlo periodicamente, segnalandovi quello che a mio parere merita attenzione, poi ditemi se vi sembra cosa utile o una perdita di tempo e terrò conto delle vostre reazioni. Questa è la prima lista:

J. Kagan “Le tre culture”
Necessario a tutti gli storici per riconsiderare il proprio specialismo descrivendo gli incroci fra le scienze matematico-naturali, umanistiche e storico sociali.

A. Elliot C. Lemert “Il nuovo individualismo”
I costi psicologici inattesi della globalizzazione. Testo molto fine nel cogliere il problema psicologico centrale della globalizzazione: il conflitto intorno alla questione dell’identità (lo ho adottato per il mio corso di questo anno)

Philipp Ball “Colore. Una biografia”
Una rilettura originale a cavallo fra storia, arte ed economia che mostra quali siano le potenzialità degli studi transdisciplinari.

L. Festa “Provvidenza Rossa”
Un vivacissimo affresco su quel che fu il Pci, in tutti i suoi aspetti. Vale più di molti libri di storia del Pci sin qui usciti-

R. Mandelli “Al casinò con Mussolini”
Ricco di documenti sul caso Matteotti e godibilissimo da leggere. Scoprirete molti altri “cadaveri eccellenti” in una ricostruzione che fa giustizia, una volta per tutte, del mito dell’onestà della classe dirigente fascista.

P. Cucchiarelli “Morte di un Presidente”
Minuziosa ed utile ricostruzione dell’ irrisolto caso Moro. Molto utile per capire quante cose ancora attendono d’esser chiarite e quante bugie congiunte ci hanno raccontato all’unisono Cossiga e le Br.

M. Dondi “L’eco del boato”
Sin qui, la più completa storia della stagione dello stragismo in Italia, che, pur  mantenendo un alto grado di leggibilità, pone una serie di quesiti di metodo storiografico.

aldo giannuli, consigli di lettura di aldo giannuli


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (10)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.