Alcune considerazioni sulle diverse versioni del disastro aereo del volo MH17

Con grande piacere torno ad ospitare un pezzo di Lorenzo Adorni, che con la consueta precisione ed equilibrio si concentra su alcuni dettagli molto interessanti dell’abbattimento del volo MH17 in Ucraina in giorni in cui, per via anche della guerra a Gaza, l’argomento è un po’ uscito dall’attenzione dei media. Buona lettura!
A.G.

Alcune considerazioni sulle diverse versioni del disastro aereo del volo MH17

Di Lorenzo Adorni

A breve tempo dal ritrovamento delle scatole nere, non manomesse, come comunicato dagli esperti olandesi, si sono diffuse voci che confermerebbero l’abbattimento dell’aeromobile da parte di un missile.

Continua a leggere

Il “metodo Einaudi”, il “Diktat” del Nazareno e la turbo-democrazia di Renzi

Volentieri torno ad ospitare un pezzo di Umberto Baldocchi, di Economia Democratica.

La storia non si fa con i “se”- affermazione nota e arcinota.  Ma la storia non è neppur un aereo guidato da un pilota automatico, come a tanti piacerebbe. La storia è fatta da scelte umane entro una gamma di possibilità, che è essenziale saper vedere. In realtà la storia non si costruisce  senza i “se”.  Ora che il dibattito ( si fa per dire, ma  un dibattito politico vero e proprio non  c’è mai stato ) sulle riforme costituzionali, dopo esser stato risucchiato dal vortice della demagogia più spicciativa e più rozza ( tipo “ce lo chiede l’Europa”, ci “metto la faccia”, “siamo l’ultima spiaggia per la democrazia” ecc.), sembra farsi sempre più una pura prova di forza e di numeri – evidentemente questo il nuovo “allegro” volto della democrazia che si presenta oggi con filibustering, tagliole, ghigliottine e  canguri -, un problema si pone agli italiani più che ai partiti:  ma è davvero possibile costruire un sincero e duraturo compromesso costituzionale ed è sensato cercarlo? La chiave del problema mi sembra una sola: credo che si debba uscire dall’incubo del “patto del Nazareno” .

Continua a leggere

Patria o Buitres: la prima volta e’ una tragedia, la seconda, forse, una farsa.

Non c’è dubbio che l’avvio della collaborazione con Dario Clemente dall’Argentina sia stata una coincidenza molto fortuita e positiva, alla luce delle notizie significative di questi giorni dal continente sud-americano. Dopo l’interessante pezzo della scorsa settimana sulla partecipazione di Russia e Cina al sesto meeting BRICS, Dario ci scrive oggi a proposito dello spauracchio del default argentino di questi giorni. Cosa c’è dietro? Buona lettura!

Patria o Buitres: la prima volta e’ una tragedia, la seconda, forse, una farsa.

Dall’Argentina, Dario Clemente.

Gli ultimi tre-quattro giorni a Buenos Aires si sono vissuti con il fiato sospeso: uno spettro cupo ha contribuito a guastare il cielo sopra la capitale. Ha la forma di un avvoltoio e si chiama “default selettivo”, ma nessun aggettivo puo’ attenuare la carica esplosiva del termine, che 13 anni fa ha significato l’inizio di una delle crisi finanziare ed economiche piu’ devastanti nella storia moderna. Il panico si e’ diffuso assieme ai quotidiani mercoledi’ 30 luglio, quando era chiaro che i colloqui diretti tra il ministro dell’economia argentino Axel Kicilof e il mediatore Daniel Pollack, rappresentante di alcuni hedge fund statunitensi, non erano andati a buon fine.

Continua a leggere

Storia per anniversari? La risposta di Danilo De Biasio.

Danilo De Biasio, vecchio amico, giornalista autorevole e curatore nelle ultime settimane, con Lapsus, del progetto “Autista moravo“, dedicato al centesimo anniversario dello scoppio della Prima Guerra Mondiale, risponde con alcune riflessioni ai miei articoli di ieri ed alcuni giorni prima dedicati alla “storia per anniversari” ed alle sue conseguenze. Ecco la replica di Danilo, che ringrazio con affetto, e di cui condivido lo spirito, perchè anche altri, storici e non, intervengano nel dibattito. Buona lettura!

Storia per anniversari? Parliamone.

Di Danilo De Biasio, Radio Popolare

Come si fa a non essere d’accordo con il prof Giannuli: l’anniversarismo è la malattia infantile (o senile?) della storiografia.

Continua a leggere

Noi accusiamo.

Con convinzione ho sostenuto e segnalo questo appello lanciato dal Prof. Angelo D’Orsi, storico dell’Università di Torino, sul sito della rivista da lui diretta, Historia Magistra.

Aldo Giannuli

Noi accusiamo.

Noi firmatari di questo Appello, sgomenti per gli avvenimenti in corso nella “Striscia di Gaza”,

accusiamo  i governanti attuali di Israele, che nei confronti del popolo palestinese stanno portando avanti una politica all’insegna dell’espansionismo coloniale, della pulizia etnica, del massacro;

noi accusiamo i precedenti governanti  dello Stato di Israele, i quali hanno avviato la spoliazione della terra, dei beni, della stessa memoria di un popolo vivente nella Palestina da millenni;

Continua a leggere

L’indipendenza da Washington ha un prezzo, e si paga in Yuan

Vi propongo un nuovo pezzo di Dario Clemente dall’Argentina, oggi incentrato sul recente viaggio di XiJinping e Putin nel continente sud americano. Buona lettura e grazie a Dario per le sue corrispondenze! Ecco il suo blog.

Cosa ci fanno XiJinping (e Putin) in America Latina

I presidenti di Cina e Russia hanno partecipato al sesto meeting BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) a Fortaleza, in Brasile, il 15 e 16 luglio passati. Entrambi hanno pero’ realizzato anche numerosi incontri bilaterali in sud e centro-america per firmare accordi commerciali e stringere allenze strategiche.

Continua a leggere

E se la partita per l’eredita’ del Kirchnerismo si stesse gia’ giocando in Brasile?

Da oggi, in occasione della finale dei mondiali, avviamo una nuova collaborazione sul sito. Dall’Argentina ci scriverà le sue corrispondenza Dario Clemente, uno dei miei tesisti più brillanti, che ha intrapreso percorsi di studi in antropologia urbana che lo hanno portato prima a Leeds e ora proprio in Argentina, da dove ha iniziato a scrivere sul suo blog. Un altro sguardo prezioso dalla “fine del mondo”, citando Papa Francesco, che però ci sarà molto prezioso per conoscerlo con occhi diversi da quanto ci permettono di fare i media italiani. Buona lettura e un ringraziamento a Dario per le sue corrispondenze!

Il noto giornalista di Basket Federico Buffa in una recente, meravigliosa, puntata di “Storie mondiali” per Sky, ripercorrendo la parabola sportiva di Maradona cosi’ liquidava la drammaticita’ della strutturale diseguaglianza sociale argentina “Un paese con enormi risorse naturali, che per motivi  misteriosi ha 10 milioni di persone sotto il livello di poverta’”.

Continua a leggere

Capire la Grande Guerra?

A proposito di anniversari, da lunedì 30 giugno va in onda su Radio Popolare, storica emittente milanese, il programma “Autista moravo“, un progetto crossmediale dedicato al 100° dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale, a cui stanno lavorando i ragazzi di Lapsus con Danilo De Biasio, amico e validissimo giornalista della radio. La trasmissione va in onda dal lunedì al venerdì dalle 10.40 alle 11, ma vi consiglio di visitare il sito dedicato al progetto, ricco di interviste video, approfondimenti, materiali e dove potete riascoltare i podcast della trasmissione: un bell’esempio di come si dovrebbe articolare oggi un progetto di studio e comunicazione legato alla storia contemporanea. Buona lettura ed ascolto!

Continua a leggere

La nuova Turchia tra gentrificazione e neoliberismo

Elio Catania, uno dei miei collaboratori ed anche membro di Lapsus e del collettivo Offtopic di Milano, è stato nei giorni scorsi in Turchia, in occasione del primo anniversario della rivolta di Gezi. Molto volentieri vi propongo il suo articolo di racconto, in cui è riuscito a mantenere uno sguardo ampio e molto interessante sulla Turchia ed il potere di Erdogan, su cui bisognerà tornare. Buona lettura!

La nuova Turchia tra gentrificazione e neoliberismo

Anzitutto una premessa: la Turchia è un paese profondamente complesso e con al suo interno non una, ma molte società; il breve racconto e le riflessioni che seguono sono il frutto dell’esperienza fatta da alcuni di noi nel contesto tutto particolare di Istanbul l’anno scorso,  durante le settimane calde di Piazza Taksim e quest’anno, nei giorni del primo anniversario di quella rivolta.

Continua a leggere

L’esito elettorale della primavera 2014 tra europee ed amministrative

Come sempre volentieri vi segnalo l’analisi di Franco Astengo sul voto delle ultime europee, come ulteriore contributo al dibattito che c’è stato sul sito in questi giorni. Buona lettura!

Di Franco Astengo. L’esito complessivo di questa tornata elettorale 2014, tra elezioni europee, regionali e amministrative parziali, ci consegna alcuni inediti elementi di riflessione: o, meglio, consolida alcune tendenze che già si erano osservate in passato ma che adesso possono essere analizzate in maniera più compiuta.

Continua a leggere