Questa volta devo applaudire i magistrati

Come si sa, la Cassazione ha fissato l’udienza per il processo Mediaset –che vede Berlusconi condannato a 5 anni di interdizione dai pubblici uffici- al 30 luglio, per prevenire il rischio prescrizione parziale, che scatterebbe a settembre, provocando il rinvio alla Corte d’Appello per il ricalcolo della pena che, a sua volta, porterebbe alla prescrizione degli altri reati e, così, il Cavaliere la farebbe franca. Il centro destra sta dando in escandescenze perché ci vede la mano di chissà quali complotti (e meno male che il Presidente della Corte, che ha assegnato il processo alla sezione feriale, era buon frequentatore di Previti, ed in Csm è stato appoggiato da Magistratura Indipendente e dai laici del Pdl!  Figuriamoci se fosse stato di Magistratura Democratica!). Ma con questa reazione scomposta, la destra, implicitamente, ammette che la strategia difensiva affidava tutte le sue carte alla prescrizione, non nutrendo troppe speranze su un esito favorevole del giudizio di merito. Perché tutta, proprio tutta, la Magistratura è unita in un solo complotto contro di lui?

Siamo seri: quando i magistrati di Cassazione gli hanno dato ragione erano “Magistrati integerrimi” -come lui li definiva- ed il Primo Presidente, abbiamo detto, non gli è ostile, come, peraltro non appartengono a correnti di sinistra il presidente del collegio giudicante Antonio Esposito ed il relatore Amedeo Franco. Il fatto è che nel merito sta messo molto male: se sul caso Ruby si può parlare di quadro indiziario molto pesante, ma in assenza di prova piena, nel caso diritti Mediaset direi che c’è la prova per tabulas. Apprezziamo il fatto che Berlusconi nelle ultime settimane abbia deciso di tacere e di rivolgersi finalmente ad un avvocato (Franco Coppi), ma, nel collegio di difesa ci può mettere anche Perry Mason, Santa Rita da Cascia e Mandrake, la sua resta una posizione di merito pressocchè disperata.

Un politico serio punterebbe alla assoluzione con formula piena o si ritirerebbe a coltivare melanzane, ma mi pare che qui non sia il caso di parlarne e, dunque, abbiamo uno che è stato 4 volte Presidente del Consiglio e che si batte per tornare a farlo per la quinta volta, che si difende come un mafioso giocando di prescrizioni ed insufficienza di prove. Il fatto è che per lui ed i suoi seguaci, il giusto processo è quello che non si fa.

E che lui ed i suoi protestino si capisce ed ormai non ci stupiscono più, ma che anche osservatori “neutrali” ed autorevoli come Pierluigi Battista trovino insolito che la Cassazione –come fa di solito e come è giusto che sia- abbia fissato l’udienza  prima della prescrizione e dicano “Ma adesso la stessa velocità anche per gli altri processi” è cosa assai curiosa. Insomma, per una volta la magistratura ha fatto proprio quello che doveva fare ed a più forte ragione per la qualità politica dell’imputato, (perché se avesse lasciato maturare la prescrizione tutti, giustamente, avremmo pensato ad un indecente trattamento di favore), che cosa andiamo cercando? Fosse sempre cosi! Quanto poi alla velocità degli altri processi, Berlusconi o non Berlusconi, devono essere fatti in tempi accettabili e basta.

E’ possibile che il Cavaliere stia pensando ad una veloce crisi di governo per votare ad ottobre con una campagna elettorale in cui si presenterebbe in veste di martire e conosciamo (e non abbiamo mai sottovalutato) la sua demoniaca capacità comunicativa, ma, questa volta, potrebbe non essere una buona idea. Mi spiego meglio: in primo luogo non è detto che Napolitano ci stia; non lo credo probabile, ma potrebbe anche dimettersi e l’esito, gioco forza, sarebbe una intesa Pd-M5s per eleggere un nuovo Capo dello Stato: brutto affare per il  Cavaliere che così non potrebbe sperare neppure nella grazia presidenziale. Oppure potrebbe nascere un governo diverso con l’astensione del M5s. Però non è uno scenario probabile, sia perché è difficile pensare che Grillo lo accetti, sia perché Napolitano vuole fortemente (forse ha dato la sua parola ad altri…) le riforme costituzionali e una convergenza Pd-M5s le impedirebbe o, almeno, le renderebbe assai poco probabili. Ragion per cui almeno questo gradino potrebbe essere superato senza troppe difficoltà. Il difficile viene dopo: da settembre tutto lascia presagire che balleremo sul fuoco della crisi finanziaria ed il declassamento del rating deciso da S&P proprio in queste ore è solo il buon giorno. Figuriamoci se poi dovessimo andare a vuoto di potere e nuove elezioni per di più con questo stesso sistema elettorale.

Dunque, nel pieno di una crisi finanziaria senza precedenti, noi ci permettiamo il lusso di andare a nuove elezioni perché il signor Berlusconi è stato messo in castigo dai giudici cattivi. Gli elettori spesso prendono cantonate, ma insomma, qui li stiamo facendo proprio imbecilli! Non credo che funzionerebbe.

E se pure funzionasse alla Camera, come la mettiamo con il Senato? Lì, anche se il centro sparisse ed il M5s si dimezzasse, la probabilità di fare maggioranza sarebbe ridotta a lumicino e questa volta tornare al governo di unità nazionale sarebbe molto più difficile, anche se la destra potrebbe far valere il suo successo alla Camera. Ma, a tutto concedere, se tutto andasse come il Cavaliere spera, i suoi problemi non sarebbero risolti lo stesso. In primo luogo, se la sentenza arrivasse (come è quasi certo) prima dello scioglimento delle Camere, l’interdizione scatterebbe e lui non potrebbe essere il candidato alla Presidenza del Consiglio. Se anche arrivasse dopo, l’interdizione ne provocherebbe la decadenza, in ogni caso, l’unica via d’uscita sarebbe un’ amnistia ad personam (capirai: non è la faccia quello che manca), ma anche questo fra mille difficoltà costituzionali. Insomma, di vie d’uscita in questa direzione ne vedo pochine, malagevoli e di incertissima riuscita.

Cosa altro può tentare il Cavaliere? Un ricorso alla Corte di Strasburgo? Forse, potrebbe guadagnare qualche mese, ma su quali eclatanti violazioni dei diritti  dell’imputato potrebbe sostenere il riscorso? Si badi che Strasburgo non è una super Cassazione, ma giudica solo per gravi violazioni dei diritti dell’Uomo sanciti dalla normativa comunitaria. Quindi bisognerebbe prima di tutto vedere se la Corte ritenga di ammettere il ricorso e dopo entrare nel merito. Ma poi, se anche la Corte accogliesse il suo ricorso (non immaginiamo come potrebbe) resterebbero le altre condanne e lo sport di andare e tornare da Strasburgo, per ciascuna di esse, diventerebbe una cosa con conseguenze incalcolabili per l’immagine del paese (non che a Lui la cosa interessi, ma è probabile che la cosa sarebbe valutata dalla stessa Corte europea che dovrebbe caricarsi della responsabilità di delegittimare, di fatto, la magistratura di un paese membro dell’Unione). Se poi (come, ragionevolmente ci si può aspettare) Strasburgo decidesse di respingere la sua istanza, sulle sentenze di condanna ci sarebbe anche il suo timbro e per la destra diventerebbe molto arduo sostenere che è tutto un complotto delle “toghe rosse”.

Quando si perde, la cosa migliore da fare è riconoscerlo e ritirarsi in buon ordine.

Cavaliere avrei un’idea da proporle: noi rinunciamo a chiedere l’estradizione e Lei si ritira ad Antigua. Ha presente? Le palme, il mare, le spiagge, le escort…

Aldo Giannuli

aldo giannuli, berlusconi, corte di cassazione, magistratura democratica, processi berlusconi, ruby


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (16)

  • questo è il “lodo Fratini”. Sono anni che lo propongo. L’unica legge “ad personam” che abbia un senso. La Repubblica italiana rinuncia a processare Silvio Berlusconi per qualsiasi nefandezza egli possa aver compiuto a patto che egli si ritiri definitivamente nelle sue ville ai Caraibi, senza aver diritto a tornare in Italia.

  • Io invece devo abbassare triste il capo innanzi alla pronuncia della Consulta sull’abolizione delle Province. Sono decadi che il decreto legge è usato in totale assenza delle ragioni di imprevedibilità ed urgenza che rappresentano la sua ragion d’essere e i nostri grandi esperti del diritto se ne ricordano proprio adesso. Urge modificare la Costituzione e introdurre l’elezione del CSM (con annesso suo presidente) e della Corte costituzionale a suffragio universale e diretto.

  • A questo punto qualunque soluzione mi va bene purchè subito dopo non si parli più in politica di Berlusconi e dei suoi processi! C’è l’urgenza dei molti problemi sociali da risolvere, l’economia da rilanciare ecc. ecc. Non è vero?

  • Prof, sul sito Libreidee.org c’e’ un fantastico ed agghiacciante articolo sui giacimenti gassiferi nell’Egeo e in quale maniera Grecia, Cipro e Siria sono coinvolti negativamente.

  • Avatar

    Pierluigi Tarantini

    Caro Aldo,
    anche Minzolini è stato direttore ma non credo che ciò lo abbia mai reso autorevole.
    Io credo ancora necessario distinguere tra giornalisti e pennivendoli che la faccia la mandano sulla statale.
    Diversamente dovremmo ritenere qualsiasi servizio di lingua, purchè firmato dal servo messo al posto giusto, autorevole opinione.

  • Gentile (e sempre acuto) Prof. Giannuli; tutto lucidissimo tranne, ahinoi, la conclusione, ribadita poi come valida da alcuni commentatori.
    Capisco che lo strazio di dover parlare ancora dei processi di Berlusconi possa portare a momenti di debolezza dove si pensa che…”qualsiasi cosa, ma levatecelo di torno!!!”, lo capisco umanamente.
    Ma una soluzione del genere sarebbe il de profundis, la sancita avvenuta morte dello stato di diritto italiano (che da anni non si sente bene, ma comunque arranca). Di fatto, spedire Berlusconi ad Antigua rinunciando a processarlo e’molto peggio che alzare bandiera bianca (a volte arrendersi puo’ anche essere onorevole ), significherebbe agli occhi del mondo che la Repubblica Italiana accetta di fatto che la giustizia non e’ uguale per tutti. Un paese (che gia’ non gode di troppa stima all’estero, manco in africa dove vivo da anni…) del tutto e ufficialmente delegittimato, una retrocessione, sul versante credibilita’, nella serie C (no, non siamo mai stati in serie A) dei paesi del mondo. Un Berlusconi interdetto dai pubblici uffici in quanto giudicato colpevole dei suoi reati. Almeno una volta nella sua storia, l’Italia dovrebbe essere in grado di mettere il punto finale su almeno una delle sue innumerevoli storie malsane.
    Con grande stima,
    Edoardo Occa

    • Edoardo: si giusto, ma qui non se ne può più… e poi di processarlo lo abbiamo processato, in cella non ci va per i limiti di età… a questo punto lo facciamo anche commendatore al merito della Repubblica se si toglie davanti

  • Mi sembra un’idea ragionevole.
    Del resto “rinunciare a chiedere l’estrazione” vuol dire andar da Berlusconi e spiattellargli in faccia un accordo di questo tipo: “non ci puoi mettere una pezza, fatti condannare in contumacia senza perdere altro tempo e vattene in ESILIO sapendo che mai più tornerai indietro, noi in cambio non verremo a cercarti”.
    Io ho interpretato così la rinuncia al chiedere l’estradizione che il prof. Giannuli prospetta.
    Si sta cioè parlando di un *esilio* conseguente ad una condanna, la concessione è solo “non verremo a cercarti purchè ti levi dalle balle alla svelta”.
    Non è una cosetta da poco un esilio.
    E per gli storiografi dell’anno 2065 ci sarebbe in ogni caso una ( più d’una ) condanna, per poter dire lavando almeno in parte l’onore di un popolo, che Berlusconi non la fece infine franca.

    Mi sembra che, visto che dati i limiti d’età in carcere non ci andrebbe comunque, e che l’effetto del non ricandidarsi sarebbe ugualmente raggiunto ( non solo per l’esilio, ma per la condanna e l’interdizione che comunque precederebbe l’esilio ) potrebbe essere questo un ottimo e ragionevole compromesso territoriale affinchè si ricominci a fare ciò di cui abbiamo urgentemente bisogno nella situazione in cui ci troviamo e che non si fa più da almeno 20 anni: parlare di politica e dei problemi del paese e della società.

    La realtà però, a dirà del wishful thinking del prof. e che in questo caso condivido, è che questo compromesso territoriale è l’ultima cosa che verrà presa in considerazione tra quelle da farsi.

    Perchè il fatto che si ricominci a parlare di questioni politiche, seriamente e concretamente, non sventolando spauracchi, è l’ultima cosa che il PD può permettersi di fare.

    Verrebbe a galla il piccolo, irrilevante problema, che nella crisi presente – istituzionale ed economica – le responsabilità politiche maggiori sono a carico dei governi del centrosinistra i quali, cosa ancor peggiore, sapevano in realtà benissimo cosa stessero facendo….

  • Posso dire che, parlando di un paese che ha sospetti stragisti vari in giro per il mondo e non fa nulla per recuperarli, stracciarsi le vesti per un ladro di stato a cui concedere l’esilio è un po’… fuori luogo, diciamo…

  • E’ possibile che il Cavaliere stia pensando ad una veloce crisi di governo per votare ad ottobre con una campagna elettorale in cui si presenterebbe in veste di martire e conosciamo (e non abbiamo mai sottovalutato) la sua demoniaca capacità comunicativa, ma, questa volta, potrebbe non essere una buona idea. Mi spiego meglio: in primo luogo non è detto che Napolitano ci stia; non lo credo probabile, ma potrebbe anche dimettersi e l’esito, gioco forza, sarebbe una intesa Pd-M5s per eleggere un nuovo Capo dello Stato: brutto affare per il Cavaliere che così non potrebbe sperare neppure nella grazia presidenziale. Oppure potrebbe nascere un governo diverso con l’astensione del M5s. Però non è uno scenario probabile, sia perché è difficile pensare che Grillo lo accetti, sia perché Napolitano vuole fortemente (forse ha dato la sua parola ad altri.) le riforme costituzionali e una convergenza Pd-M5s le impedirebbe o, almeno, le renderebbe assai poco probabili.Ragion per cui almeno questo gradino potrebbe essere superato senza troppe difficoltà. Il difficile viene dopo: da settembre tutto lascia presagire che balleremo sul fuoco della crisi finanziaria ed il declassamento del rating deciso da S&P proprio in queste ore è solo il buon giorno. Figuriamoci se poi dovessimo andare a vuoto di potere e nuove elezioni per di più con questo stesso sistema elettorale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.