Aldo Giannuli
Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commenti (18)

  • Avatar

    Gaz

    |

    .. il corteo partirà da Piazza S. Carlo, percorrerà via Roma e via Po per confluire in Piazza Vittorio, dove alle ore … X terrà il comizio di chiusura …
    … fare la spesa a Porta Palazzo (in realtà Piazza della Repubblica) tutto a un euro …
    Le espansioni urbanistiche del novecento contemplavano la presenza della pubblica piazza, quale luogo di aggregazione di due grandi invenzioni, il partito di massa e il sindacato. All’occenza la piazza poteva/può essere trasformata nel luogo del mercato settimanale o fieristico.
    Come luogo piccolo e circoscritto la piazza era anche funzionale al controllo democratico sulle realtà amministrative locali.
    In seguito la TV (degenerata) è diventata il surrogato della piazza e dei suoi riti, con perdita di interesse per le realtà locali.
    I (non) luoghi della grande distribuzione comerciale hanno completato l’opera di spersonalizzazione colletiva e di impoverimento economico e culturale, mediante la organizzazione di eventi di livello similare a quello televisivo per attirare i grandi numeri.
    Però, urbanistica e piani commerciali sono materie dove le regioni hanno poteri rilevantissimi … per necrotizzare il tessuto di un vasto bacino.
    Si scopre così che le Regioni sono un attore politco per nulla secondario.

    Reply

  • Avatar

    Gianluca

    |

    Porte blindate, cancelli, telecamere dovunque, negozietti di quartiere costretti a chiudere a causa della GDO con rapporti umani che vanno sempre più formalizzandosi, così come i cinema monosala soppiantati dai multiplex. Bambini che non giocano più in strada, percepita dai genitori come luogo ostile e pericoloso, e feste organizzate unicamente nelle ludoteche affidando ad un animatore l’ “organizzazione del divertimento” e delegando la spontaneità al mercato. A Napoli, da dove scrivo io, i mercatini rionali resistono, e probabilmente ci saranno ancora per molti anni, si tratta anche di un contesto dove si tende a stare molto più in strada rispetto alle città del nord e quindi a condividere spazi, eppure quelle logiche si stanno affermando anche qui allo stesso modo di contesti più opulenti. L’urbanistica appare totalmente scollegata dagli interessi della popolazione intesa come esseri umani, proprio nel momento di massima enfasi sulla “partecipazione” popolare alla progettazione urbana (tendenza quella della partecipazione che va dalla Pa alla scuola) con forte tendenza alla multidisciplinarietà (architettura, sociologia, geografia, antropologia…) . E pensare che c’è chi ritiene che tale autorganizzazione territoriale, di cui la nuova edilizia è considerata parte, possa essere un antidoto al neoliberismo.

    Reply

    • Aldo Giannuli

      Aldo Giannuli

      |

      e chi pensa una scemenza del genere?

      Reply

      • Avatar

        Gianluca

        |

        Autori come michael peter smith o alfredo mela, che rivendicano la specifità dei contesti locali nel riarticolare le spinte globali, andando in tal modo contro autori come harvey o manuel castells a loro dire troppo concentrati sulle spinte uniformanti provenienti dall’alto. E in generale tutti quelli che abbracciano una pospettiva di “glocalismo” di baumaniana derivazione, una forma di interazione costruttiva tra attori territoriali pubblici e privati, portatori degli interessi degli abitanti, e attori economico-finanziari globali. Insomma una barzelletta, che però non fa ridere.

        Reply

  • Avatar

    Herr Lampe

    |

    Un pezzo “francofortese”. E, mi perdonerà, non è necessariamente un complimento.
    Fuori di metafora: il rischio di fare l’apologia del mercatino rionale, dei bei tempi andati, etc etc, è sempre forte.

    Dopodiché su una cosa sono d’accordo: in certe zone di Milano, tipo Bicocca per intenderci (e spero di non offendere nessuno), non prenderei casa neppure se me la regalassero. Meglio via Padova allora, e non sono antifrastico.

    Reply

  • Avatar

    GherardoMaffei

    |

    Nostalgia dell’architetto Piacentini e del suo famoso “stile littorio”? Sissignore! Ma purtroppo pesa su di lui, come su altri geni italici dell’epoca, la “damnatio memoriae.” Il prof.Giannuli, cita l’arte dell’architettura, ove intervengo io a gamba tesa. Vogliamo fare paragoni tra la maestosità del quartiere della capitale ove sorge imponente l’Esposizione Universale di Roma, con il caravanserraglio del beaubourg di Parigi?Sono due “weltanschauung” in netta opposizione tra loro, la prima sorgente di civiltà, la seconda una immonda cloaca dei bei tempi moderni.Come chiosa finale poi ricordo la presa di posizione dell’ANPI bresciano, contro la ricollocazione della statua del “Bigio” in piazza della Vittoria. Nel 1945 la statua era stata simbolicamente “fucilata” e messa in uno scantinato per decenni, da un plotone di collaborazionisti dei gangsters statunitensi invasori.Avevano preso esempio dagli americani, i nuovi barbari, che non esitarono a radere al suolo l’Abazia di Montecassino, in ossequio alle direttive del generale Eisenhouer, che sosteneva che non un monumento, non una cattedrale europea, valeva la vita di un solo suo soldato.Vi è più arte in una sola città europea che non in tutta gli USA. Un popolo che è passato dalla infanzia alla senilità, senza la necessaria età della maturità.Presto molto presto, le nostre città europee verranno trasformate in tanti ghetti,ove l’unica identità che sopravviverà, sarà data dal gruppo etnico di origine, con la scomparsa di ogni traccia di architettura classica e al posto suo tante casbah.

    Reply

    • Avatar

      foriato

      |

      “Un popolo che è passato dalla infanzia alla senilità, senza la necessaria età della maturità.”
      _______________________
      Lo stesso accade con certe idee della vita e del mondo, della ‘bruta’ morte e del piccolo paesino nel caso del fascismo, nato destinatamente (e ostinatamente) senile, rancido pure, vedi sopra, e qualcuno se ne vanta ancora… Beati Voi giovani camerati perché sarete confortati dal nonno Maffei!

      http://elpais.com/elpais/2016/04/08/opinion/1460116886_530433.html

      Reply

      • Avatar

        GherardoMaffei

        |

        @foriato. Non reputa opportuno fare una traduzione in italiano?Non tutti padroneggiano la lingua che fu del poeta e militare di carriera,ma anche avvocato di famiglia nobile colta, Josè Millan Astray, capo e fondatore della gloriosa Legione Spagnola. In un contraddittorio pubblico con un rettore universitario, personificazione dell’esangue, pallido, vigliacco intellettualoide decadente, fu celebre la sua provocazione:” Viva la morte, abbasso l’intelligenza”. Ci risparmi le sue sdegnate considerazione, le nostre idee sono quelle che smossero il mondo,le vostre ragli d’asino che non salgono al cielo.Adios amigos.

        Reply

        • Avatar

          Riccardo M

          |

          Camerata Maffei, ci faccia il favore di abbandonare questa agorá, che continua a disturbare con i suoi vaneggiamenti, e veda di fare altrove l’apologia del fascismo e di criminali genocidi come Millán Astray, responsabili di migliaia di morti innocenti.

          Reply

        • Aldo Giannuli

          Aldo Giannuli

          |

          Maffei: le vostre idee smossero il mondo? Si, pèortandolo sull’orlo del baratro,
          quanto alle altre ide che lei condanno non ho capito a chi si riferisce

          Reply

          • Avatar

            Gaz

            |

            @ come l’italiano è la lingua di Dante e l’inglese di Shakespeare, lo spagnolo lo è di Cervantes.
            Non mi pare che Millan A. abbia dato un grande contributo alla letteratura spagnola. Se poi cerca la provocazione …

        • Avatar

          foriato

          |

          Compagno Maffei,
          Non Vi stizzare, nessun sdegno, soltanto sanissima curiosità per i costumi sessuali di un fascista italiano standard.
          Certo che non tutti riescono a capire un cavolo di nulla, neanche nella lingua del grande Cielo-Ciullo d’Alcamo. In materia di asini siamo anche d’accordo però mi acconsenta un suggerimento: se volete che i Vostri ragli arrivino a qualche cielo bisogna si tolga prima il ciullo del nonno, per una questione di elementare civismo (non si parla con la bocca piena) sotto pena di sprigionare a mala pena simpatico ruttino che, come disse l’insigne poeta, forse pensando a Millán Astray oppure a Lei dopo qualche letturina mal digesta, è (in parafrasi) un peto rovinato ché per puro sciagurato non poté arrivare al culo.
          Riguardo al ‘esperpético’ incontro del 36 alla Università di Salamanca, dimentica la replica di Unamuno alla suddetta stupidata, ‘vincerete ma non convincerete’. E alla fin fine, malgrado tutta la forza bruta dimostrata, e malauguramente per Voi, nè l’uno nè l’altro… Pazienza Tigre!

          Reply

  • Avatar

    Gaz

    |

    Piacentini insieme a Calza Bini sono in cima alle lodi che recito nei momenti di totale stasi degli ingorghi stradali.
    P.s. Le risulta che fosse(ro) allergico/i ai binari ferroviari?

    Reply

  • Avatar

    Mario Vitale

    |

    Una piccola testimonianza personale sull’argomento. Io ho un bel gattone rosso di nome Ettore. Quando compravo la salsiccia al supermercato gli davo la ‘pelle’, come si faceva una volta con i gatti, ma lui l’annusava un po’ e poi la lasciava lì. Io pensavo fosse un gatto viziato assuefatto ai croccantini. Un giorno mi è capitato di acquistare della salsiccia in una macelleria e il gatto la ‘pelle’ l’ha mangiata e si è pure leccato i baffi. Morale. Adesso la carne la vado a comprare dal macellaio, la frutta e verdura dal contadino ed al supermercato ci vado solo per i prodotti confezionati.

    Reply

    • Avatar

      Gaz

      |

      Per caso il tuo gatto ha gli stivali?

      Reply

  • Avatar

    Paolo Federico

    |

    Mi trovo d’accordo con Giannuli sul senso complessivo dell’articolo, ma vorrei sottolineare l’inesattezza della analogia proposta fra i grattacieli e le cattedrali.
    Il grattacielo marca una distanza nel senso della separazione, dell’isolamento e della avulsione, mentre la cattedrale esprime una distanza che è però centro gravitazionale, riferimento e coagulo della società: non a caso ad essa corrisponde sempre una piazza quale analogia della comunità, sulla quale essa domina e si erge come faro; presenza questa sempre assente nel caso dei grattaceli, i quali tendono piuttosto ad affastellarsi in uno spazio ristretto quasi a voler ribadire il senso di distacco ed isolamento, punto iniziale di ogni alienazione.
    Sotto la minaccia ottomana i zagabresi costruirono mura e bastioni fortificati intorno alla loro cattedrale come fosse una creatura vivente, la loro stessa anima, da difendere a costo della propria vita.

    Reply

Lascia un commento

I miei libri

  • codeca_copertina_250
  • isis_250
  • uscirecrisigrande

  • servizi_media

  • servisefgrande

  • pafragrande

  • grandecrisigrande

  • 2006_russia_mussolini_250

  • 2008_bombe_250

  • 2009_abuso_250

  • 2013_noto_servizio_250

  • 2013_sistemi_elettoralli_250

Newsletter

* = campo richiesto!