Venezuela: un’analisi a caldo sulle elezioni presidenziali

Molto volentieri segnalo questa valida analisi di Angelo Zaccaria, autore del volume “La Revolucion Bonita: viaggio a tappe nel Venezuela di Hugo Chavez” (edizioni Colibrì, Milano- 2011) e serio conoscitore di America Latina, sulle elezioni presidenziali in Venezuela dello scorso 7 ottobre pubblicata dal Laboratorio Lapsus.

Cominciamo dai numeri.

Corpo elettorale, cioè persone iscritte al registro elettorale: 18.903.937.

Numero di persone che hanno votato realmente: 15.007.927.

Partecipazione al voto del 80,67 % (la più alta mai avuta in una elezione venezuelana dalla prima vittoria di Chavez alle presidenziali del 1998).

Voti per Chavez: 8.135.192 (55,25 %).
Voti per Henrique Capriles Radonski: principale candidato della opposizione: 6.498.776 (44,14 %).

Altri 4 candidati raccolgono in totale meno dello 0,6 %.

Il tutto con poco più del 98 % degli atti elettorali già scrutinati, cioè si tratta di dati quasi definitivi. Il candidato sconfitto Capriles ha riconosciuto subito i risultati e non ci son state denunce significative di brogli o frodi. Prima di addentrarci in qualche valutazione facciamo un  confronto con le precedenti elezioni presidenziali del Dicembre 2006. Comparazioni con altre elezioni di tipo diverso ( governatori degli stati o sindaci) van fatte con le pinze perché in genere mettono in moto dinamiche e livelli di partecipazione diversi, ma possono darci lo stesso indicazioni su certe tendenze.

Prosegui la lettura.

aldo giannuli, angelo zaccaria, henrique capriles radonski, revolucion bonita, ugo chavez, venezuela


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Commento

  • costruire il socialismo non è un impresa facile senza una rivoluzione violenta, senza poteri dittatoriali, senza repressione del dissenso interno e senza un apparato di sicurezza interno e di controspionaggio estero.
    chavez sta tentando l’impossibile e contro tutti i pronostici per ora sta avendo ragione.
    il suo carisma personale è una caratteristica che lo ha fatto emergere nella politica e gli ha consentito di prendere il potere e tentare la via del socialismo; ma tutto ciò egli sà che può ritorcersi contro di lui e contro il popolo venezuelano a causa del logorio che il potere comporta, ma soprattutto la potenza dei media occidentali che non concepiscono e non tollerano assolutamente che un sistema socialista possa instaurarsi attraverso un sistema elettorale di stampo liberale.
    per questo è molto importante l’appoggio estero; dunque se in europa e nel mondo non crescono movimenti per l’alternativa al capitalismo che riescono a dialogare con il sud-america, l’esperimento chavista rischia di essere una parentesi, un’araba fenice.
    chavez è una speranza per un mondo migliore nell’ambito di una società socialista, ove il capitalismo sia un brutto ricordo.
    chavez ha fatto e sta facendo molto, ora tocca alla sinistra europea a fare altrettanto.
    il monito di marx è sempre valido: l’alternativa sono le catene o la libertà dal modo di produzione capitalista.

    saluti
    alberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.