Ma quanto può durare il governo Conte?

In attesa di commentare i risultati umbri (scriviamo nel pomeriggio di domenica e ne parleremo martedì a mente fredda) facciamo alcune valutazioni di carattere generale sulle prospettive del governo. Peraltro, difficilmente il risultato umbro sarà tale da causare una crisi di governo, a meno di sfracelli di particolare gravità, per cui, è probabile che occorrerà attendere quantomeno i risultati di Calabria ed Emilia. Dunque, a maggior ragione è utile una considerazione generale prima dei risultati di questa tornata.

Va detto che il governo sta spendendo che peggio non potrebbe i suoi primi 100 giorni: le tasse non diminuiscono di un centesimo –come se fosse normale una pressione di questo livello- anzi ci aggiungiamo un po’ di tasse indirette, i decreti sicurezza di Salvini sono lì fermi e non si sa se saranno sostituiti, integrati, aboliti, inaspriti né niente, non si registra nessuna iniziativa di rilievo del governo (ad esempio, una qualche manovra sul tema degli infortuni sul lavoro ce la saremmo aspettata da un governo in cui militano Pd e Leu). Quanto alla politica estera non ne parliamo per non ridere in un momento di tragedie.

Di fronte ad un bilancio del genere, anche uno zampognaro come Salvini fa la figura dello statista. E, infatti i sondaggi segnalano il calo di consensi al governo che non gode neppure della solita luna di miele con gli elettori. Semmai sorprende il gradimento nonostante tutto in ascesa di Conte personalmente.

E qui veniamo ad un altro punto critico: la tenaglia Renzi-Di Maio contro il Presidente del Consiglio. Non ci vuole nessun indovino per capire le ragioni dell’intesa di questa strana coppia: Renzi teme che Conte possa prendere troppo slancio e fare un suo partito che peschi in parte anche nell’elettorato cui aspira lui, Di Maio teme che Conte gli soffi la leadership del movimento.

In teoria, Di Maio dovrebbe essere sulla via dell’uscita, essendo quasi alla metà del secondo mandato, per cui Conte dovrebbe essere il suo successore naturale. Ma, va da sé che Di Maio non pensi lontanamente a farsi da parte alla fine del secondo mandato e sta già pensando a come aggirare o togliere di mezzo l’infausta prescrizione dei due mandati.

Il guaio è che con un possibile successore che ti soffia sul collo, questa nuova deroga al non statuto (chissà se qualcuno ricorda ancora il suo nome) diventa difficile e quasi impossibile.

Per cui la soluzione radicale è tagliare le gambe al rivale con qualsiasi pretesto e va bene anche l’accordo con Renzi anche se i due si strangolerebbero reciprocamente. Comunque la cosa va bene per indebolire ulteriormente questa simulazione di governo. Ed un eventuale rovescio in Umbria andrebbe benissimo.

Allora ci prepariamo ad elezioni a primavera? Non è affatto detto. Il più esplicito è stato Renzi: la legislatura è blindata, il governo no. Insomma c’è vita per la legislatura anche dopo Conte. E infatti già si parla di un governo Draghi.

In effetti ci sono diverse ragioni per bloccare le elezioni: la riforma del taglio dei parlamentari implica il ridisegno dei collegi e, con esso, una probabile nuova legge elettorale; siccome la riforma è operativa già nelle prossime politiche, queste non si possono fare se prima non si modifica la legge elettorale il che, fra una cosa e l’altra, chiede più di un anno. Per cui, intanto un governo dobbiamo farlo e c’è a disposizione un nome come quello di Draghi…

Ma, allora, Renzi e Di Maio non potrebbero temere una nuova concorrenza da parte di Draghi? No, perché l’idea è quella di eleggere Draghi Presidente nel gennaio 2022 (il presidente europeista di cui ha detto Renzi). Questo è un calcolo di Renzi, mentre Di Maio non è capace di progetti di così lungo periodo.

Ad esempio, lui non considera che Conte non scomparirà per questo. Certo, non sarà Presidente del consiglio, in questo caso, ma potrebbe benissimo essere il Ministro degli Esteri, anche perché è uno che sa da che parte si legge la carta geografica e parla inglese. Ed il rischio è quello di accelerare la scissione del M5s, ma non corriamo troppo avanti.

In tutto questo è determinante quello che pensa Mattarella al quale, peraltro, un governo Draghi non dovrebbe dispiacere. Intanto stiamo attenti ad un segnale: se fra qualche settimana nomina Draghi senatore a vita.

Aldo Giannuli

aldo giannuli, conte, di maio, durata governo conte, mario draghi, mattarella, renzi, salvini


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (5)

  • Giggino detto Ellediemme non ha fatto in tempo a sedersi sulla poltrona, dopo aver trovato la sua stanza nella Farnesina, che rischia di sloggiare.
    Però una cosa buona può farla. Eliminare le sanzioni commerciali verso la Russia.
    Il Trio delle Meraviglie verso Erdogan ha congelato solo le forniture di armi, non prima però di avergli pieno gli arsenali. Gli Usa hanno addirittura preparato il terreno ai russi.
    Però si pretende che l’Italia non esporti verso la Russia i suoi prodotti agricoli …

  • ACME NEWS
    Roma. 22 gennaio 1955 Stamane al Quirinale, nello studio privato del Presidente della Repubblica si è consumato un grave incidente diplomatico tra il nostro Capo delle Stato e il suo omologo francese.
    Pompadur ha telefonato a Rossi per intervenire sulla crisi di governo ed esprimere il proprio gradimento per l’affidamento dell’incarico di formare la nuova compagine governativa all’on. Meschin Farabouti.
    Sfortunatamente per il l’Iperpresidente, Rossi si è svegliato storto, ha messo a terra per primo il piede sbagliato e per colazione ha mangiato un rettile.
    Dopo aver ascoltato i desiderata francesi sulle acquisizioni in Italia, Russo è sbottato in un poco diplomatico “fatti i fatti tuoi, che ai miei ci penso io”, al quale ha aggiunto “pensa a raccogliere la sporcizia dei cani dai marciapiedi della tua città, più grigia di te.”
    Dall’altro capo del telefono, in risposta si è solo sentito in francese un “ohibò”. Dopo L’Hyper ha attaccato il telefono.
    Nel tardo pomeriggio è atteso alla Farnesina l’ambasciatore francese con un messaggio di scuse di Pompadur, recante l’impegno a non interferire nelle questioni interne di un paese sovrano.
    Nel Ministero degli Esteri sono intenzionati a ritenere chiuso l’incidente diplomatico.

  • ACME NEWS
    Il presidente della Repubblica Romano Draghi ha incaricato il sen. Salvini, segretario internazionale della Lega Anseatica del sud Europa, di formare il nuovo governo, il preciso vincolo di portare fuori l’Italia dall’euro e dall’UE, implementare le industrie di stato delle nuove tecnologie e stringere accordi con altri partners.
    In tempo reale é arrivata la smentita dalla Lega. Un militante ha sognato e trascritto un suo incubo notturno popolato dalla Merkel e da Macron. Per errore lo scritto è finito in mano ad un giornalista dell’Araldo di Montegibboni.
    Secondo una fonte vicina al Carroccio Volante, si sarebbe trattato di un brutto tiro mancito, orchestrato dai soliti diabolici comunisti, filosovietici, bresneviani e trinariciuti, organici all’establishment, i quali, sfruttando Allowin, hanno riempito di peperoncino il malcapitato militante, speranzoso invece nel dolcetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.