La scomparsa di Peppino Casarrubea

Mi giunge la notizia della scomparsa di Peppino Casarrubea, collega storico (anche se non accademico) ma, soprattutto amico personale. Avevo notato sul suo blog, in data 13 maggio un pezzo dal quale si deduceva che stava subendo un periodo di ricovero ospedaliero, ma nulla faceva intendere che si trattasse di materia grave. Poi il blog si è fermato e ieri sera mi è arrivata la notizia molto triste.

Peppino era un amico di cui ho apprezzato l’impegno che era insieme personale, politico e culturale. Personale perché la vita di Peppino è stata segnata dai primissimi mesi di vita, quando il padre, sindacalista della Cgil, venne assassinato insieme ad altri dalla banda Giuliano.

Politico perché Peppino è sempre stato un militante della sinistra.

Culturale perché Peppino ha sempre lavorato con metodo da storico scavando in profondità negli archivi. E i suoi numerosi libri sulla strage di Portella, sulla banda Giuliano ecc ne fanno fede, rivelandosi personaggi, retroscena, aspetti prima sconosciuti.

Non sempre eravamo d’accordo, ma sempre con il massimo rispetto reciproco. L’ultima volta che si siamo incontrati è stato quattro o cinque anni fa presso il centro sociale Vittoria, qui a Milano e non fummo d’accordo sull’inchiesta nel corso della quale fu riesumato il corpo (o meglio, i pochissimi resti ossei) di Salvatore Giuliano. Lui ci credeva molto perché lo affascinava l’idea che Giuliano non fosse morto da come è nella versione ufficiale e, sin qui non contestata. Personalmente quella inchiesta ed il teste su cui si fondava, non mi convincevano per nulla e lo dissi, temo, provocandogli una certa delusione, anche se siamo restati lo stesso molto amici. Poi ci siamo risentiti qualche volta per telefono, ed eravamo sicuri che ci saremmo rivisti in altre iniziative. Purtroppo  non è stato così.

Peppino aveva 69 anni e ci lascia, oltre che il cospicuo numero di sue opere, anche un archivio on line di grande interesse, che è possibile consultare sul suo sito che mi auguro venga proseguito dai suoi collaboratori.

Aldo Giannuli

aldo giannuli, bandito giuliano, cgil, giuseppe casarrubea, portella della ginestra, sicilia, storia contemporanea


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (3)

  • Ho letto diversi suoi titoli. Una lettura appassionante e sconcertante/desolante per i temi trattati. Alcuni suoi volumi dovrebbero essere fondamentali nelle scuole e università.

  • A me ha fatto abbastanza impressione la notizia contenuta in suo libro:

    Casarrubea- Cereghino.La scomparsa di Salvatore Giuliano. Indagine su un fantasma eccellente. Bompiani. 2013

    Pare che Salvatore Giuliano fosse stato un ufficiale sabotatore della X Mas in missione dietro le linee e poi reclutato a fini anti-comunisti.

  • Ha risposto alla violenza e all’inganno con le armi della cultura e della ricerca della verità storica. Ci ha dato sia un esempio di risposta civile e fattiva all’oppressione, sia informazioni preziose sulle forze che coartano la nostra storia nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.