A quando le esequie di Fi e del Pd (ium)?

Il Cavaliere di Arcore continua a muoversi come se fosse ancora lui il condottiero del centrodestra, mentre i suoi alleati semplicemente lo ignorano e pochissimi cortigiani continuano ad attorniarlo confermandogli tutte le illusioni. Ormai sembra la caricatura di Hitler nel bunker che dà ordini a divisioni inesistenti.

Straparla di far entrare il Pd nel governo di centro destra, di presidenze delle Camere di garanzia, ammonisce Salvini, come se potesse fare qualcosa contro di lui, mentre diversi suoi deputati preparano i bagagli per il trasloco. Un tramonto penoso.

Non sta meglio il suo dirimpettaio, Renzi, che continua a sognare improbabili rivincite, intanto forse pensa di liberarsi delle sue minoranze e magari di offrire una astensione tecnica o di andare a nuove elezioni. In entrambi i casi la rivincita si allontanerebbe: un accordo con il centro destra spaccherebbe il partito, farebbe perdere altri elettori e le europee sono vicine, per di più, una alleanza di tutti contro il M5s avrebbe come unico effetto quello di portare il M5s al 40%: auguri. Peraltro non credo affatto che Salvini ci stia. Andare a nuove elezioni porterebbe il Pd (sempre che resti unito) sotto il 12%.

Quando ero ragazzino ricordo che diverse maestre colleghe delle zie con cui vivevo (e che erano di fiera osservanza repubblicana) che continuavano (parlo di fine anni cinquanta, primi sessanta a quindici anni dal referendum) a sognare una restaurazione monarchica che era del tutto fuori della realtà. Una di esse giunse ad affermare “Ormai è sicuro: si sta già preparando il grande ricevimento di gala per il ritorno”. A volte le illusioni sono indistruttibili. I monarchici fecero un partito che, dopo un momentaneo e modesto successo nel 1953 (40 deputati) , si scissero poi si riunificarono con la Sigla di Partito Democratico di Unità Monarchica, Pdium, che si ridusse a quasi la metà nel 1958, poi a soli 6 seggi nel 1963, ma sempre fedeli alla convinzione della restaurazione monarchica. Il Pd di oggi è il nuovo Pdium (in fondo deve solo aggiungere 3 lettere alla sigla). Penoso.

Non riescono ad accettare di un essere più partiti “sovrani” (cioè capi di coalizione) e di essere diventati partiti “cadetti” (cioè “cespugli” minori di fiancheggiamento) e sognano una cosa che non esiste: che gli elettori che li hanno “traditi” tornino dopo questa momentanea “scappatella”.

Non hanno capito niente: come ho già detto, può darsi che M5s e/o Lega deludano e perdano i consensi appena presi e ci sono ottime ragioni per pensare che questo possa accadere, ma gli elettori che li hanno abbandonato probabilmente voterebbero nuovi partiti, forse sceglierebbero quelli più estremi ora esistenti, forse si asterrebbero o preferirebbero il suicidio, tutto ma non il ritorno alle basi di partenza. Pd e Fi si mettano l’anima in pace.

Il problema è che ogni partito ha una sua “formula base”, che include l’area sociale di riferimento ed il suo ordinamento, la soluzione organizzativa e la catena di comando, la cultura politica, l’area di possibili alleanze più o meno allargata, i punti di forza, l’insediamento territoriale. Questa formula base ha una sua coerenza e può anche modificare sue singole parti entro certi limiti e riadeguando subito l’intera formula base, ma quando va in crisi la formula in quanto tale e la crisi investe contemporaneamente diversi suoi componenti, non c’è niente da fare: il partito è da buttare via. Magari in un prossimo pezzo analizzeremo la formula base del Pd e quella di Fi per capire quali siano i pezzi definitivamente fusi.

Magari per resistere meglio i due partiti, con l’aggiunta dei rispettivi residui centristi, potrebbero anche fondersi in un nuovo partito della Nazione. Avrei un nome da proporre: Als (Alleanza limoni spremuti). Potrebbe anche funzionare…
Aldo Giannuli

aldo giannuli, berlusconi, forza italia, pd, renzi


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (15)

  • Ciao Aldo!

    Vuoto per pieno: non vedi quindi uno spazio elettorale per un centrista “partito della nazione” (minuscolo, come nome d’area e non come nome proprio) liberalmoderato?

    Potrebbe federare – con anche la speranza di condensare uno zoccolo duro – la rappresentanza della media e alta borghesia urbana, professioni, finanza, servizi e imprenditoria non legata al manifatturiero (rappresentata invece dalla Lega la quale ormai è una sorta di “partito delle fabbriche” che unisce operai e imprenditori del settore laddove invece M5S è il partito dei giovani disoccupati, sempre andando per estreme semplificazioni).

    Che ne pensi?

    Si ritorna al tema della Sinistra (qui S maiuscola): quale blocco sociale rappresenterebbe? Forse è messa persino peggio del partito della nazione – ad oggi…

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    Immagino che ricorderai la satira che il compianto Alighiero Noschese fece su Covelli
    “E se prima eravamo in cinque a fare pdium pdium, adesso siamo in quattro a fare pdium pdium …”
    E così via fino a …
    “E se prima eravamo in due a fare pdium pdium, mi sa che resto solo a fare pdium pdium”

  • Avatar

    Tenerone Dolcissimo

    Il più grande errore fatto da tutti -a partire da Berlusconi- è stato considerare gli elettori di Forza Italia dei “moderati”

  • Il partito democratico e forza italia stanno morendo lentamente, poco a poco, il colpo di grazia a entrambe gli verrà inflitto alle prossime elezioni politiche, che si terranno nel giro di 6 mesi. Beh arrivati a questo punto potrei anche sbilanciarmi nel dire che alla prossima tornata elettorale, per il rinnovo del parlamento italiano, le possibilità che il movimento 5 stelle arrivi a prendere 14 – 15 milioni di voti, non è più un’ipotesi al di fuori della realtà, come diceva lei, oppure mi sbaglio? Che ne pensa in merito professor Giannuli?

  • Avatar

    Renato Pellegrini

    Assolutamente condivisibile l’analisi di Aldo Giannuli sul declino inesorabile di Pd e Fi.
    Sono fuori .
    Mi interessa ragionare sul futuro
    ⭐️⭐️⭐️⭐️⭐️ ?

  • Però c’è una differenza fondamentale fra Renzi e Berlusconi. Il secondo ha un impero economico, che pesa (le tv, i giornali… non sono cose di dettaglio). Inoltre Berlusconi è necessario a uno dei due nuovi vincitori, che da solo difficilmente riuscirà, anche in futuro, ad avere numeri per governare (uno zoccolo di gente di centro-destra che non voterebbe Slavini, soprattutto nel sud, c’è; è vero che c’è sempre la Meloni, volendo…). Insomma, non metterei le due cose sullo stesso piano.

  • Mr.Berlusconi trema all’idea di NON essere al centro del Mondo, dell’attenzione mediatica,dall’alto dei suoi 81 Anni.
    Grande e’ la pena che fa. Anziche’ pensare responsabilmente al dramma degli italiani che attendono nuovo ed EFFICACE,SAVIO governo ,drammaticamente i vertici di Forza Italia, eticamente corrotti fin nel midollo, perdono tempo per brama di poltrone e ruoli : Interessi della gente non considerati.Stallo formazione governo fatto pesare tutto sulla “pelle” e sotto gli occhi dei cittadini che debbono sopportare questo misero teatrino delle mummie. Se si andasse a nuove votazioni,Forza Italia crollerebbe (come da sondaggi) . IL POPOLO (sempre piu’ saggio dei suoi governanti) ha premiato M5S e LEGA non a caso ,Forza Italia mai come ora dimostra tutto il marciume che la muove,generando disgusto negli Italiani!

  • Analisi lucida.
    Ma..ma.. la II° carica dello Stato è andata alla da sempre berlusconiana Casellati.
    Vabbè dai.. una rilucidatina e magari ci siamo.

    PS
    Dopo aver previsto Potere al Popolo oltre il 3%
    e la fine del Caimano
    attendiamo le preveggenze sul nuovo Governo Di Maio-Salvini per una Pasqua ilare.

  • La sua analisi sulla strategia del movimento 5 stelle sull’elezione dei presidenti delle camere si e’ rivelata clamorosamente sbagliata. Gli ha dato dei dilettanti, ma a me i veri dilettanti sono sembrati lei e quei radical chic in studio che sgignazzavano alle sue penose battute. Una volta simpatizzavo per la sinistra e proprio per questo non sopporto piu’ intellettuali finti come lei, che sprizzano livore da tutti i pori, forse perche’ Grillo non la chiama piu’ a scrivere sul suo blog dove ha potuto avere un poco di visibilita’. Vista la penosa figura che ha fatto, direi che fa benissimo.

  • Se il PD continuerà a perdere consensi e
    se il M5st. si mostrerà poco affidabile ai “poteri forti” di Bruxelles, Francoforte , Parigi ,
    Troika & Co. ( ma non ci credo ) ,
    in pochi mesi organizzeranno un “En Marche ” italiano con un Macron italiano, giovane , rampante e rassicurante ( ed ovviamente appoggiato da TUTTI i mass media possibili ed immaginabili )
    Salvini & Meloni , per ora , non preoccupano , al limite faranno terra bruciata intorno ( basterà addomesticare 4 o 5 dei loro migliori collaboratori tipo Borghi , Bagnai e Crosetto : tutti “teniamo famiglia ed un prezzo … ” ) .

  • Analisi impeccabile,anche io ero convinto che gli elettori fuoriusciti da pd e fi , in caso di fallimento di 5s e lega non sarebbero tornati sui loro passi,trovare conferma alla mia intuizione nella sua analisi mi conforta,anche se spero che uno dei due,o tutti e due,riescano a potarci fuori dalle secche in cui ci siamo incagliati negli ultimi decenni.

  • Le “vecchie zie monarchiche” però non raggiungevano il livello di meschinità e boria di una Lucia Annunziata con il suo editoriale inneggiante al “vecchio leone” Berlusconi.
    Presentato tra l’altro tre giorni fa a “Prima Pagina” di RadioTre come “il commento più intelligente” sulla situazione politica del momento…

    http://www.lastampa.it/2018/03/23/cultura/opinioni/editoriali/silvio-mette-in-trappola-i-due-vincitori-D12vYIik5jSide3eyeEXxM/pagina.html

  • ACME NEW
    Crisi nella curia Ambrosiana.
    Un miliardario rimasto anonimo, pur di rinviare il suo funerale (politico), ha offerto a tutti i preti della curia un viaggio vacanza premio ad Antigua.
    Non si possono fare i funerali, per cui la morte è stata posticipata a data da destinarsi da parte del medesimo morituro.
    Pare non abbia tempo. E’ molto occupato. Almeno dicunt.
    Sarebbe rimasto Uno, ma guai a chiamarlo monsignore …. Si arrabbia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.