Buon compleanno Ludwig Van!

Oggi, 17 dicembre, il nostro amico Ludwig Van, compie 250 anni. Lui è sempre stato una presenza nella mia vita e oggi voglio raccontarvi perchè.
In caso di problemi con la visualizzazione del video, clicca qui per vederlo.

aldo giannuli, beethoven, compleanno beethoven


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (4)

  • Beethoven è stato incomparabilmente Olimpico.
    Il rapporto tra musica e politica merita qualche chiosa.
    L.v.B. espresse in musica anche la sua grande delusione per Napoleone.
    Lo riteneva un grande, ma si rivelò solo un grande bluff.
    Liberté, legalitè, fraternité (qui si scrive così), già allora all’estero altro non era che un imperialismo ipocrita, ammantato di nobili ideali, che in pratica si traducevano liberati da te, legali te, intu u culu a te.
    Campoformio contiene in nuce tutte le problematiche italiane successive.
    Alla fin fine il nano fu anche, e soprattutto, un razziatore dei tesori altrui, coi quali è stato riempito lo stracolmo Louvre.
    Un ladruncolo. Un delinquente comune.
    La storia del plagio della Marsigliese é gustosa.
    Delle due l’una: o Gian Battista Viotti ha plagiato un anonimo ed oscuro capitano in grado di scrivere il suo unico capolavoro musicale barocco, o il militare ha plagiato Viotti, appropriandosi di qualcosa che non era suo, ma spacciandolo per tale.
    Se J.S. Bach sente proprio lo spirito di Alessandro Marcello e gli rende omaggio, nessuno pensa che sia un plagio.
    Sull’altra riva del Reno, invece il furto ai danni dello straniero fa parte del motto liberati da te, legali te, intu u culu a te.
    Il buon L.v.B. Si è rivotato nella tomba quando il c.d. Inno alla Gioia è divenuto l’inno della (inesistente politicamente) Europa. Sorvoliamo sul testo …
    Da ultimo l’inno beethoveniano è stato usato e abusato da Messiè le President Macron all’atto della sua incoronazione come imperatore d’Europa, il quale quando parla di Francia, presume di dire Europa.
    Lasciamo L.v.B. negli auditorium e negli altri concerti.
    Alle bandiere garrite al vento siano dati i rumori che meritano i ladruncoli …
    P.s. L.d.V. Un giorno fu omaggiato dalla visita di Gioacchino Rossini, al quale il tedesco disse: “Ahh, lei è quell’italiano che fa zin zin”.
    Olimpico, ma spocchioso: sempre meglio che ladruncolo.

    • P.s. Onde non equivocare il mio pensiero, non sono un nazionalista, non ho bisogno di un nemico, o di inventarmelo.
      Ho scritto più volte che Guy, Roland, Charles, Francoise … li ritengo uguali a me, come ritengo uguali chi ha più melanina di me.
      I love Italy non significa che devo calpestare gli altri … ma neppure essere calpestato …

  • P.s. Onde non equivocare il mio pensiero, non sono un nazionalista, non ho bisogno di un nemico, o di inventarmelo.
    Ho scritto più volte che Guy, Roland, Charles, Francoise … li ritengo uguali a me, come ritengo uguali chi ha più melanina di me.
    I love Italy non significa che devo calpestare gli altri … ma neppure essere calpestato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.