Caro Presidente Napolitano, a proposito di speculatori ed evasori

Abbiamo letto con interesse la Sua ultima esternazione nella quale Ella ha sostenuto che speculatori ed evasori sono elementi antisociali che non meritano questo paese: perfetto! Ma vorremmo capire meglio il Suo pensiero. Partiamo da un problema: per definire qualcuno speculatore o evasore è necessario che compia reati o ci sono comportamenti che, pur legalmente ammessi, hanno in sè caratteristiche di antisocialità?  Pensiamo che il riferimento fosse al secondo caso. In effetti, dire che, chi compie un reato a fini di lucro, è un elemento antisociale è una ovvietà: come dire che l’acqua è bagnata. E con i criminali le invettive servono a poco: se l’immagina quale sarebbe la reazione di un mafioso se gli dicessimo: “sei un anti sociale e non ti meriti questo Paese”? Se ne farebbe un baffo. In questo caso la questione andrebbe posta, semmai, sul piano  di quali misure repressive assumere per stroncare il fenomeno.
Ma forse il Suo intervento era diretto a stroncare una certa ambiguità di fasce dell’opinione pubblica che pensano che, in fondo, l’evasione fiscale sia un peccato veniale, quasi una necessità, per cui si può essere comprensivi. E, in questo senso il Suo intervento è opportuno e  condivisibilissimo. Ma Ella ha inserito anche quel richiamo agli speculatori (verso i quali non c’è alcuna indulgenza sociale), che pone il problema: chi è uno speculatore? Solo chi viola una delle (pochissime) prescrizioni legali in materia?

Se così fosse, il problema sarebbe assai meno grave di quanto non sia effettivamente, perché a fare speculazione con l’aggiottaggio o simili ci sono rimasti solo quattro poveri mentecatti non aggiornati. Oggi le speculazioni si fanno con l’algo trading, con l’uso combinato di vendite allo scoperto e short selling, tutte cose legalissime oppure con forme particolari di high frequency trading o di insider trading che sfuggono alle attuali definizioni giuridiche. Ed, allora, il punto non è “quanto sono cattivi gli speculatori” ma “quanto sono sbagliate o insufficienti le norme vigenti”.

D’altro canto, tutto questo è il prodotto di un pensiero politico come il neoliberismo. Ricorda, Presidente, la frase di Margareth Tatcher “La società non esiste, esistono solo gli individui”? Non Le viene il sospetto che ad essere anti sociale sia proprio il neoliberismo in quanto tale?

Ma, per restare su un terreno più concreto, Signor Presidente, non crede che combattere la speculazione finanziaria, nelle condizioni storicamente date, significhi che è arrivato il momento di “mettere guinzaglio e museruola” alla finanza? Anche perché, eludendo questi termini del dibattito, la Sua sofferta esternazione contro speculatori ed evasori finisce per somigliare alla predica del giorno delle ceneri di un curato di campagna.

Da un Capo dello Stato (per di più assai interventista, come nel caso di specie) ci si attende altro. Magari esternazioni che sollecitino Governo e Parlamento ad affrontare il nodo delle regole della finanza, della riconsiderazione dei trattati internazionali, del ripensamento del sistema fiscale in materia di rendite finanziarie ecc. Esattamente come Ella ha fatto, nell’ambito delle prerogative della Sua Alta Carica, a proposito di riforme come quelle sul mercato del lavoro.
Ma, ci sbaglieremo, l’impressione è che Ella sia assai poco interventista su questa materia. Speriamo in un prossimo futuro diverso.

Con il rispetto dovuto al Suo Ufficio e con la considerazione che Ella personalmente merita

Aldo Giannuli

aldo giannuli, economia, evasione fiscale, evasori, finanza, giorgio napolitano, rischio default, speculatori, speculazione finanziaria


Aldo Giannuli

Aldo Giannuli

Storico, è il promotore di questo, che da blog, tenta di diventare sito. Seguitemi su Twitter o su Facebook.

Comments (6)

  • credo che Napolitano sia incapace di capire cosa sia il neoliberismo. Per lui il sistema è buono (infatti ne è il garante) e ci sono solo alcuni problemini

  • Come al solito condivido.
    Infatti la lotta all’evasione è assurta al centro dell’agenda istituzionale proprio per il fatto che con questa bisogna in concreto pagare la speculazione (id est l’aumento del servizio al debito a causa del famigerato spread), non per costruire ospedali o scuole.
    La cosa è francamente un po’ rivoltante. Se bisogna prendere i soldi agli evasori per darli agli speculatori, tanto vale se li tengano i primi. Tra i due a me questi sono meno antipatici, gli evasori almeno si assumono la responsabilità dell’illegalità. (è solo una battuta….)

    saluti

  • Ciao,
    articolo puntuale: cambiare le regole di Finanza e speculazione mi sembrerebbe il minimo per invogliare a pagare le tasse. Grillo, nel suo tour, sostiene che: se tutti pagassimo le tasse “loro” non farebbero altro che rubare di più! Non credo che legittimare l’evasione sia buona cosa, ma non ha tutti i torti ed è un discorso di facile presa sulla gente. L’intervento di Aldo è indubbiamente più incisivo e propositivo. Comunque credo che voterò il Movimento 5 stelle perché Calise ha mantenuto le promesse: in rete si trova tutto! Penso che alla giunte Pisapia (in cui credo) faccia solo bene avere un consigliere di tal fatta.
    Paola

  • Basta riflettere sul fatto che il tristemente famoso ex segretario di stato USA henry Kissinger, noto esportatore di “democrazia” in mezzo mondo, defini Napolitano come il suo comunista preferito. Il resto è storia recente e ben documentata; dalla firma di numerose leggi palesemente anticostituzionali fino alla instaurazione al governo di veri e propri sicari dell’economia e purtroppo anche della democrazia. Un requiem per quelli che credono in napolitano come a un garante della democrazia. Un grazie particolare ad Aldo per la sua onestà intellettuale.
    Ciao, Claudio Salogni

  • @Claudio Salogni

    ha espresso molto sinteticamente quello che da un po’ di tempo penso di napolitano, a cui non potrei MAI, neanche sotto tortura dargli del Lei in segno di rispetto.

    Io ho rispetto infinito per le persone Oneste, persone che hanno Dignità.
    E qui mi fermo.

    Ringrazio Aldo Giannulli per il coraggio che dimostra ad ogni articolo e libro, e naturalmente, perchè mi da la possibilita’ di capire e se possibile, imparare tante dinamiche e situazioni.

    Come funzionano i servizi segreti mi ha fatto conoscere la sua persona..e soprattutto mi ha donato un metodo nel leggere e apprendere tutte le notizie e informazioni che ogni giorno ho modo di ascoltare e leggere da una moltitudine di fonti. Mi ha insegnato molto e la ringrazio di cuore.

    A presto

  • Buongiorno,
    mi sento molto vicino per quello che ha scritto.
    Riconosco però una certa impotenza nel poter andare oltre a questa denuncia di uno stato di cose a dir poco schifoso.
    Cosa possiamo fare tutti noi per la nostra bellissima ITALIA prima che finisca nelle mani dei tedeschi o degli americani?
    Si può fermare questa masnada di speculatori senza anima che decidono il destino di milioni se non di miliardi di persone?
    La saluto cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.